Advanced glycation end-product

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'advanced glycation end-product, in sigla AGE (in italiano: prodotto glicato finale), è il risultato di una catena di reazioni chimiche successive alla reazione di glicazione iniziale. I prodotti intermedi sono conosciuti come il riarrangiamento di Amadori, la base di Schiff e i prodotti di Maillard, chiamati così dai ricercatori che per primi li hanno descritti. La letteratura è ancora indecisa sull'applicare questa terminologia. Per esempio i prodotti della reazione di Maillard sono talvolta considerati prodotti intermedi talvolta prodotti finali. Gli effetti collaterali generati nei passaggi intermedi da agenti ossidanti (come il perossido di idrogeno), e non (come le proteine amiloidi beta)[1]. Il termine glicosilazione è talvolta usato per glicazione in letteratura, di solito come glicosilazione non enzimatica.

Gli AGE si formano dalle superficie esterne dei cibi per cottura[2] o all'interno del corpo umano attraverso il normale metabolismo. Sotto alcune condizioni patologiche (stress ossidativo dovuto a iperglicemia in pazienti con diabete) la formazione di AGE può incrementare oltre i livelli normali. Gli AGE hanno anche un ruolo come mediatori proinfiammatori nella gestione del diabete[3].

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

Gli AGE possono essere, meno o più reattivi che gli zuccheri iniziali da cui sono formati. Sono assorbiti dal corpo durante la digestione con il 30% di efficienza. Molte cellule nel corpo (per esempio, le cellule endoteliali, la muscolatura liscia e le cellule del sistema immunitario) dai tessuti come i polmoni, il fegato, i reni e il sangue periferico supportano il recettore per la glicazione finale (RAGE), che quando si lega agli AGE contribuisce a malattie infiammatorie croniche in relazione all'età e al diabete come l'arteriosclerosi, asma, artrismi, infarto miocardico, nefropatia, retinopatia, peridontite e neuropatite. Ci sono prodotti chimici come le aminoguanidine che limitano la formazione di GE reagendo con la 3-deossiglucosone[4].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Miyata T, Oda O, Inagi R, Iida Y, Araki N, Yamada N, Horiuchi S, Taniguchi N, Maeda K, Kinoshita T, beta 2-Microglobulin modified with advanced glycation end products is a major component of hemodialysis-associated amyloidosis in The Journal of Clinical Investigation, vol. 92, nº 3, settembre 1993, pp. 1243–52, DOI:10.1172/JCI116696, PMC 288264, PMID 8376584.
  2. ^ Koschinsky T, He CJ, Mitsuhashi T, Bucala R, Liu C, Buenting C, Heitmann K, Vlassara H, Orally absorbed reactive glycation products (glycotoxins): an environmental risk factor in diabetic nephropathy in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 94, nº 12, 1997, pp. 6474–9, DOI:10.1073/pnas.94.12.6474, PMC 21074, PMID 9177242.
  3. ^ Pertyńska-Marczewska M, Głowacka E, Sobczak M, Cypryk K, Wilczyński J. Am J Reprod Immunol. 2009 Feb;61(2):175-82
  4. ^ Wells-Knecht KJ, Zyzak DV, Litchfield JE, Thorpe SR, Baynes JW, Mechanism of autoxidative glycosylation: identification of glyoxal and arabinose as intermediates in the autoxidative modification of proteins by glucose in Biochemistry, vol. 34, nº 11, 1995, pp. 3702–9, DOI:10.1021/bi00011a027, PMID 7893666.