Adriano Zancopè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adriano Zancopè
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 192 cm
Peso 91 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Squadra Biancoscudati Padova Biancoscudati PD (Portieri)
Ritirato 2008 - giocatore
Carriera
Giovanili
1987-1988 Padova Padova
Squadre di club1
1988-1990 Padova Padova 1 (-2)
1990-1991 Trento Trento 8 (-?)
1991-1992 Baracca Lugo Baracca Lugo 8 (-14)
1992-1993 Vigor Lamezia Vigor Lamezia 27 (-38)
1993-1994 Giorgione Giorgione 18 (-27)
1994-1999 Cittadella Cittadella 184 (-164)
2000 Viterbese Viterbese 15 (-?)
2000-2001 Catania Catania 13 (-18)
2001-2004 Modena Modena 20 (-24)
2004-2005 Siena Siena 0 (-0)
2005-2006 Treviso Treviso 29 (-37)
2006-2008 Vicenza Vicenza 56 (-62)
Nazionale
1989
1990-1991
Italia Italia U-18
Italia Italia U-21
12 (-?)
1 (-?)
Carriera da allenatore
2014- Biancoscudati Padova Biancoscudati PD Portieri
Palmarès
 FISU flag.svg Universiadi
Oro Sicilia 1997
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 luglio 2014

Adriano Zancopè (Padova, 9 novembre 1971) è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere, preparatore dei portieri del Biancoscudati Padova.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Entra nel calcio professionistico nel 1988, dove messosi in luce nella primavera, viene aggregato alla prima squadra del Padova, di cui rimarrà secondo portiere per tre stagioni. Nel 1990 inizia il suo peregrinare, passando a novembre al Trento Calcio in Serie C1. Con la squadra trentina esordisce anche con la Nazionale Under-21, risultando così il primo (e per ora unico) giocatore del Trento a giocare in una qualsiasi Nazionale durante la militanza in casacca gialloblù. Successivamente passa al Baracca Lugo, in Serie C1 (8 presenze); poi al Vigor Lamezia in Serie C2 (27 presenze), infine al Giorgione, sempre in Serie C2 (18 presenze).

Nell'estate del 1994 passa al Cittadella, in serie C2, dove mette radici: saranno cinque le stagioni in maglia granata, culminate con la promozione e la salvezza in Serie C1 nella stagione 1998-1999, in cui colleziona 167 partite. Passa quindi alla Viterbese, dove rimane una sola stagione culminati comunque nei play off promozione (persi), e con cui gioca in 15 partite. Fa quindi ritorno al Cittadella dove con le sue 17 apparizioni contribuisce alla storica promozione in Serie B della squadra padovana. Zancopè rimane in Serie C1, al Catania, con la squadra siciliana protagonista di un ottimo campionato, ma in sfortunati play off promozione, saranno 13 le sue apparizioni con gli etnei.

Va quindi al Modena, dove rimane tre stagioni, una in Serie B e due Serie A, dove gioca solo 3 partite per due anni, essendo il secondo dell'inossidabile Marco Ballotta, prima di scalzare il posto al più esperto portiere e debuttando nella massima serie il 5 ottobre 2003 (Empoli-Modena 0-3), prima di riperdere il posto a causa del pessimo andamento della squadra emiliana. Nella stagione 2004-2005, in cui non scende mai in campo, è il terzo portiere del Siena alle spalle di Alex Manninger e Marco Fortin. Viene quindi dirottato al Treviso, neopromosso e alla prima esperienza in Serie A, dove accumula 29 apparizioni prima di cedere il posto a Matteo Sereni.

Nell'agosto del 2006 passa al Vicenza, secondo portiere alle spalle di Guardalben. Tuttavia dopo un grave infortunio del portiere veronese, diventa via via uno degli uomini chiave della compagine biancorossa. La stagione 2007-2008, per contro, lo vede iniziale protagonista, per poi perdere il posto a favore di Matteo Guardalben, e, dal gennaio 2008, di Marco Fortin, ritrovandosi quindi terzo portiere.

Ha disputato 46 partite in Serie A, 58 partite in Serie B, 78 partite in Serie C1, 179 partite in Serie C2.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha giocato con la Nazionale Under-18 nel 1989 (13 presenze su 16 convocazioni) e con la Nazionale Under-21 tra il 1990 e il 1991 (1 presenza su 7 convocazioni).

Nell'agosto 1997 ha fatto parte della selezione universitaria italiana che in Sicilia ha vinto il torneo di calcio della XIX Universiade.

Allenatore e dirigente[modifica | modifica sorgente]

Nel giugno 2008, si ritira, ed entra nello staff tecnico del Calcio Padova. Nel agosto 2009 diventa preparatore dei portieri della squadra primavera e coordinatore della scuola portieri di tutto il settore giovanile del Padova[1].

Il 29 luglio 2014 diventa il preparatore dei portieri del Biancoscudati Padova di Carmine Parlato.[2]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1997

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da padovacalcio.it
  2. ^ Ritiro, staff e giocatori: si corre Mattinopadova.gelocal.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]