Adriaen de Vries

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adriaen de Vries (1612)

Adriaen de Vries (L'Aia, 1560Praga, 1626) è stato uno scultore olandese, di tendenza manierista nordica.

Monumento Risurrezione nel Mausoleo del Principe Ernst, Stadthagen (1620)

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque in una famiglia benestante, e dopo un apprendistato svolto con Guglielmo Fiammingo, allievo di Benvenuto Cellini, intorno al 1581 si trasferì a Firenze per lavorare sotto la guida del maestro manierista Giambologna, realizzando i putti per la cappella Grimaldi in San Francesco di Castelletto a Genova.[1]

Dopo un breve soggiorno milanese, nel 1588 venne invitato a Torino da Carlo Emanuele I di Savoia e dal 1593 realizzò busti e rilievi per l'imperatore Rodolfo II a Praga, attualmente conservati presso i musei viennesi e il Victoria e Albert Museum.[2]

Dal 1601 ricevette l'incarico di scultore della corte imperiale praghese e negli anni successivi lavorò anche per Cristiano IV di Danimarca e per Albrecht von Wallenstein.

Da questo momento realizzò fontane di Mercurio e di Ercole ad Augusta, il busto di Cristiano V di Sassonia, la statua di Enrico Giulio di Braunschweig, il rilievo con il Martirio di S.Lorenzo nel duomo di Praga, il monumento Risurrezione nel mausoleo in Stadthagen - attualmente l'unica delle sue opere nell'ambiente originale -, i bronzi per i castelli di Frederiksborg e di Bückeburg.

La collezione di opere più vasta di De Vries è attualmente conservata a Stoccolma, presso il Museum De Vries al Drottningholm Palace, inaugurato nel 2001.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Michael Bury, "The Grimaldi Chapel of Giambologna in San Francesco di Castelletto, Genoa," MKIF 26 (1982) p 85-127.
  2. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol.IV, pag.177

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Scholten, Frits. Adriaen de Vries 1556-1626: Imperial Sculptor, Zwolle, Waanders, 1999.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]