Adore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film diretto da Anne Fontaine, il cui titolo originale è Adore, vedi Two Mothers.
Adore
Artista The Smashing Pumpkins
Tipo album Studio
Pubblicazione 1º giugno 1998(UK), 2 giugno 1998 (Nord America)
Durata 73 min : 15 s
Dischi 1
Tracce 16
Genere Alternative rock
Gothic rock
Etichetta Virgin Records
Produttore Billy Corgan, Brad Wood, Flood
Registrazione autunno 1997 a Chicago Trax Recording e Hinge Chicago; inverno 1998 a Sunset Sound, California; Village Recorder, Sadlands, Chicago Recording Company, Battery Sounds.
Note La versione giapponese ha una traccia in più (Once in a while)
The Smashing Pumpkins - cronologia
Album precedente
(1996)
Logo
Logo del disco Adore

Adore è il quarto album del gruppo rock statunitense The Smashing Pumpkins, pubblicato nel 1998 dalla Virgin Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Registrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le registrazioni iniziarono nel 1996 subito dopo il tour di Mellon Collie and the Infinite Sadness, ma quelle sessioni furono scartate, e non vennero inserite nell'album. Le registrazioni che condussero all'incisione finale ebbero luogo tra il novembre 1997 e marzo 1998.

Si tratta del primo album registrato senza Jimmy Chamberlin alla batteria. Questo, a detta dello stesso Corgan, ebbe delle grosse conseguenze sull'album. Infatti le parti di batteria, oltre che con una drum machine, vennero eseguite da tre batteristi diversi (tra cui Matt Cameron dei Soundgarden e dei Pearl Jam e Joey Waronker), e furono successivamente editate. Infine Corgan chiamò Flood per mettere insieme l'album e mixare i brani.

La direzione artistica è attribuita a Frank Olinsky, Billy Corgan e Yelena Yemuck, allora ragazza di Corgan. Il materiale per l'album e i singoli consiste quasi interamente in foto in bianco e nero scattate dalla Yemuck, che ritraggono i membri del gruppo e la modella Amy Wesson, ritratta sulla copertina.[1]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Altro fatto che influenzò molto i contenuti e i toni dell'album, oltre alla già citata assenza di Chamberlin, fu la morte della madre di Corgan, avvenuta durante il Mellon Collie Tour.[2] Lo stile dei Pumpkins virò, dai toni accesi del rock pieno di chitarre distorte e batteria, ad un rock più melodico, fondato sull'uso di strumenti elettronici, chitarra acustica e piano. Almeno cinque brani dell'album sono condotti dal pianoforte, mentre Appels + Oranjes contiene solo strumenti elettronici.[3] Alla madre di Corgan è dedicata la traccia 14 dell'album, intitolata For Martha, l'unico brano in cui collabora Matt Cameron. Oltre ad essere il primo album senza Chamberlin, Adore fu il primo album che non includeva contributi alla composizione di James Iha, comunque ha contribuito al brano Summer del singolo Perfect.[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante recensioni abbastanza favorevoli, i fan accolsero piuttosto tiepidamente questo album, che al novembre 2005 ha venduto poco più di 3 milioni di copie. Lo stesso Corgan dichiarò di aver fatto lo sbaglio di dire al pubblico che Adore era un album techno, mentre se avesse detto che era un album acustico non avrebbe mai avuto questi problemi. Comunque l'album ha raggiunto il 2º posto nella classifica Billboard 200 negli Stati Uniti[4] e il 5º posto nella UK Album Chart nel Regno Unito nel 1998.[5]

Tuttavia, nonostante le vendite non esaltanti, le novità introdotte da questo album lo rendono una pietra miliare della carriera musicale dei Pumpkins, infatti le "Zucche" continuarono a suonare canzoni tratte da questo album, anche durante il Machina Tour, con Chamberlin nuovamente alla batteria.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i brani sono di Billy Corgan.[1]

  1. To Sheila – 4:46
  2. Ava Adore – 4:20
  3. Perfect – 3:23
  4. Daphne Descends – 4:38
  5. Once Upon a Time – 4:06
  6. Tear – 5:52
  7. Crestfallen – 4:09
  8. Appels + Oranjes – 3:34
  9. Pug – 4:46
  10. The Tale of Dusty & Pistol Pete – 4:33
  11. Annie-Dog – 3:36
  12. Shame – 6:37
  13. Behold! The Night Mare – 5:12
  14. For Martha – 8:17
  15. Blank Page – 4:51
  16. 17 – 0:17
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. Once In A While (17 si sposta alla 17ª traccia) – 3:33

Singoli estratti[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Hanno partecipato alle registrazioni, secondo le note dell'album.[1]

The Smashing Pumpkins
Altri musicisti
  • Matt Cameron – batteria su "For Martha"
  • Matt Walker – batteria su "To Sheila", "Ava Adore", "Daphne Descends", "Tear", "The Tale of Dusty and Pistol Pete", "Annie-Dog" e "Behold! The Night Mare"
  • Joey Waronker – batteria su "Perfect", "Once Upon a Time" e "Pug"
  • Dennis Flemion – voce su "To Sheila" e "Behold! The Night Mare"
  • Jimmy Flemion – voce su "To Sheila" e "Behold! The Night Mare"
  • Bon Harris – voce su "For Martha"
  • Brad Wood – voce su "Behold! The Night Mare", organo su "Blank Page"
Tecnici
  • Billy Corgan - produzione
  • Flood - produzione, mixaggio
  • Brad Wood - produzione, ingegneria
  • Robbie Adams - mixaggio, ingegneria
  • Neil Perry - mixaggio, ingegneria
  • Eric Greedy - assistente al mixaggio
  • Jay Nicholas - assistente al mixaggio
  • Jamie Siegel - assistente al mixaggio
  • Bjorn Thorsrud - registrazione, ingegneria
  • Howie Weinberg - mastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1998) Massima
posizione
Canada Billboard 2
Stati Uniti Billboard 200 2
Regno Unito (OCC) 5
Australia (ARIA) 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Note di copertina di The Smashing Pumpkins, Adore, Virgin Records, 1998.
  2. ^ (EN) Corgan, Billy, Starcrossed, and subsequently, a door is opened (1997), 12 aprile 2005. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  3. ^ (EN) Greg Kot, Adore, Rolling Stone, 18 maggio 1998. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  4. ^ (EN) Billboard, Smashing Pumpkins - Chart History, Prometheus Global Media. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  5. ^ (EN) "Smashing Pumpkins | Artist | Official Charts, The Official Charts Company, 13 giugno 1998. URL consultato l'8 febbraio 2014.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock