Adon Olam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Adon Olam, con melodia e parole traslitterate, da Jewish Encyclopedia

Adon Olam (in ebraico: אֲדוֹן עוֹלָם ?; "Signore Eterno" o "Signore dell'Universo") è un inno rigorosamente metrico della liturgia ebraica scritto in tetrametro giambico. È stato parte normale della liturgia quotidiana e dello Shabbat sin dal XV secolo.[1]

Secondo la tradizione sefardita e nelle sinagoghe inglesi Adon Olam viene cantato alla fine dei servizi liturgici dello Shabbat e delle Festività ebraiche durante le preghiere mattutine, mentre gli ebrei ashkenaziti lo cantano alla fine dei servizi serali nelle stesse occasioni - e tutti lo cantano alla Vigilia dell'Espiazione (Kol Nidre). A causa di queste associazioni ad eventi solenni, per i sentimenti espressi in apertura e chiusura di inno, viene letto (senza melodia) anche nelle stanze dei morenti e sottovoce nelle sinagoghe quando si annuncia il decesso di qualche membro della congregazione.[2] Si recita inoltre o si canta all'inizio delle prime preghiere mattutine,[2] che tale orazione possa assistere colui che prega a volgere reverenzialmente la mente a Dio con timore e ardore. Quando l'inno viene cantato alla fine del servizio liturgico la congregazione si siede mentre lo canta per dimostrare che non si ha fretta di lasciare il luogo di preghiera ma si è desiderosi di rimanere e pregare (cominciando nuovamente all'inizio delle preghiere quotidiane).[3]

Autore e origini sono incerti. Si attribuisce tentativamente a Solomon ibn Gabirol (1021-1058), che è rinomato per le sue poesie in ebraico, ma non esiste evidenza certa a parte la qualità di questo inno e la lingua usata che pare essere antica. L'inno è stato anche attribuito a Rav Hai Gaon (939-1038) nonché al saggio talmudista Yochanan Ben Zakkai. Sebbene la dizione indichi antichità, non diventò parte della liturgia ebraica mattutina fino al XV secolo.[4]

Questa melodia viene spesso cantata come antifona, tra precentore e congregazione, sebbene fosse ovviamente intesa solo per la congregazione. È un inno che può esser cantato usando molte melodie diverse, poiché gli si adattano tutte a causa del suo metro. A volte, nelle scuole, Adon Olam viene adattato a melodie moderne, anche pop.[5]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Traduzione italiana Traslitterazione Ebraico
Il Signore dell'Universo che regnò, Adon 'olam, 'asher malakh, אֲדוֹן עוֹלָם אֲשֶׁר מָלַךְ
Prima che ogni cosa fosse creata. b'terem kol yetzir niv'ra בְּטֶרֶם כָּל יְצִיר נִבְרָא
Quando tutto fu compiuto secondo la Sua volontà, L'et na'asa v'ḥeftso kol, לְעֵת נַעֲשָׂה בְחֶפְצוֹ כֹּל
Egli fu riconosciuto quale Re. Azai melekh sh'mo nikra אֲזַי מֶלֶךְ שְׁמוֹ נִקְרָא
Quando questo nostro mondo non ci sarà più[6], V'aḥarey kikh'lot hakol וְאַחֲרֵי כִּכְלוֹת הַכֹּל
Egli ancora regnerà in maestà, L'vado y'imlokh nora לְבַדּוֹ יִמְלוֹךְ נוֹרָא
Egli era, è, V'hu hayah v'hu hoveh וְהוּא הָיָה וְהוּא הֹוֶה
E sarà nella gloria. V'hu yih'yeh b'tif'arah וְהוּא יִהְיֶה בְּתִפְאָרָה
Egli è uno, incomparabile, V'hu 'eḥad v'eyn sheyni וְהוּא אֶחָד וְאֵין שֵׁנִי
senza divisione o alleato. L'ham'shil lo l'haḥbirah לְהַמְשִׁילֹ לוֹ לְהַחְבִּירָה
Senza inizio, senza fine, B'li reyshiyt b'li taḥ'liyt בְּלִי רֵאשִׁית בְּלִי תַכְלִית
ed a Lui appartengono la sovranità ed il potere. V'lo ha'oz v'hamis'rah וְלוֹ הָעֹז וְהַמִּשְׂרָה
Egli è il mio Dio, il mio Vivente Redentore V'hu 'Eli v'ḥay go'ali וְהוּא אֵלִי וְחַי גּוֹאֲלִי
in lui mi rifugio in tempo di dolore, v'tsur ḥevli b'eit tsarah וְצוּר חֶבְלִי בְּעֵת צָרָה
e Lui è la mia bandiera e il mio rifugio, V'hu nisi 'umanos li וְהוּא נִסִּי וּמָנוֹס ִלִי
che risponde nel giorno in cui io chiamo. m'nat kosi b'yom 'ekra מְנָת כּוֹסִי בְּיוֹם אֶקְרָא
Nelle sue mani io rimetto il mio spirito B'yado af'kid ruḥi בְּיָדוֹ אַפְקִיד רוּחִי
quando dormo e quando mi sveglio, b'et 'ishan v'a'ira בְּעֵת אִישָׁן וְאָעִירָה
e col mio spirito, col il mio corpo[7] v'im ruḥi g'viyati וְעִם רוּחִי גְוִיָּתִי
Dio è con me e non avrò timore. Adonai li v'lo 'ira אֲדֹנָי לִי וְלֹא אִירָא

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nulman, Macy, Encyclopedia of Jewish Prayer (1993, NJ, Jason Aronson) page 7.
  2. ^ a b Nulman, Macy, Encyclopedia of Jewish Prayer (1993, NJ, Jason Aronson) p. 7.
  3. ^ Ziegler, Aharon, Halachic Positions of Rabbi Joseph Ber Soloveitchik, Jewish Press (Brooklyn weekly) 31 Jan 2003, and 24 July 1998.
  4. ^ Nulman, Macy, Encyclopedia of Jewish Prayer (1993, NJ, Jason Aronson) p. 7; Jacobson, B.S., The Weekday Siddur (1978, Tel-Aviv, Sinai Publ'g) p. 27; Silverman, Morris, "Further Comments on the Text of the Siddur", Journal of Jewish Music & Liturgy, vol. 13 (1991-1992) p. 34.
  5. ^ Nulman, Macy, Encyclopedia of Jewish Prayer (1993, NJ, Jason Aronson) p. 8.
  6. ^ ...Se così stanno le cose, allora i nostri Maestri sono d'accordo sul fatto che il mondo sarà distrutto e che esso tornerà al suo stato iniziale (Nachmanide)
  7. ^ oppure: "Anche qualora il mio spirito mi lasciasse".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Nota di Landshuth su Siddur Hegyon Leb, p. 5, Königsberg, 1845
Jewish Encyclopedia, s.v.: "Adon Olam"

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Testi ebraici[modifica | modifica wikitesto]

Registrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Altro