Adolfo Wildt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adolfo Wildt

Adolfo Wildt (Milano, 1º marzo 1868Milano, 12 marzo 1931) è stato uno scultore italiano.

Considerato da numerosi studiosi di storia dell'arte artista di grande levatura,[1] le sue opere rimangono oggi poco conosciute presso il grande pubblico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primogenito dei sei figli di Adamo Wildt, portinaio a Palazzo Marino, compie la terza elementare serale. A nove anni è garzone da un barbiere, poi da un orafo e in seguito da un artigiano marmista. A undici anni entra nella bottega dello scultore Giuseppe Grandi, dove svolge mansioni di fatica. Dal 1888 lavora in cooperativa con l'appuntatore Franzi per i suoi noti scultori lombardi, Butti, Achille Alberti, Bezzola, Quadrelli, Argenti, Ripamonti. Abita in via Mercato. Segue a Brera la Scuola Superiore d'Arte Applicata, prepara studiando da solo l'esame di Anatomia, che supera facilmente. Frequenta nell'anno 1885-1886 il corso accademico di Disegno e Figura.

Adolfo Wildt, Sant'Ambrogio

Nel 1891 sposa Dina Borghi da cui nascerà la primogenita Artemia nel 1892. Esegue La Vedova nel 1892, ritratto della moglie, esposto alla Società d'Arte Moderna di Roma nel 1894. Nello stesso anno incontra Franz Rose con il quale fu legato per ben diciotto anni, sotto il quale ebbe la sicurezza economica e lavorativa assicurandosi il primo esemplare di ogni scultura in cambio di uno stipendio annuo di quattromila lire. Medita la Bibbia e la Commedia di Dante. Nascono i figli Francesco (1896) e Alma (1899). Partecipa episodicamente a mostre milanesi (1895, Annuale alla Società per le Belle Arti; 1900, IV Triennale di Brera; 1906, Esposizione Permanente).

Viaggia ed espone a Monaco di Baviera (1895; 1896; 1900; 1902; 1903; 1907), Zurigo (1895), Berlino (1900), Dresda (1904). Conosce l'ambiente secessionista, lo interessano Hildebrand e Rodin. Si lega d'amicizia con Albert Welti, col quale intrattiene un fitto epistolario. Lavora esclusivamente per una committenza tedesca: oltre a Franz, Ernst, Frieda a Carl von Rose, Garré di Bonn, Bardt e Messtorff di Amburgo. Manda in Germania più di cinquanta opere in marmo. È segnalato dalla stampa e sostenuto dagli storici von Bieberstein ed Ehrenberg. Dal 1900 opera in un grande laboratorio in Corso Garibaldi 97 a Milano. Attraversa dal 1906 al 1909 una grave crisi d'arte e di coscienza che si conclude con l'esecuzione della Maschera del Dolore e con l'aprirsi della fase più violentemente espressionistica della sua poetica.

Lavora dal 1900 per dodici anni a una monumentale fontana con tre figure da collocare nella nuova ala del palazzo di Dolhaü che Huber-Feldkirch andava progettando per Rose; distrugge nel 1906 il lavoro che espone con il titolo Il Santo, il Giovane e la Saggezza alla Triennale di Brera del 1912: l'opera, comunemente chiamata la Trilogia, vince il premio Principe Umberto, ma è destinata a rimanere a Milano per l'improvvisa scomparsa di Rose nei giorni stessi dell'esposizione. Espone la Trilogia alla Secessione di Monaco; la famiglia Rose sostiene le spese di trasporto e avvia trattative con il sindaco di Milano per la donazione al Comune. Wildt progetta un insieme architettonico per la sua collocazione ai giardini pubblici, ma prevale la proposta di destinarla a un erigendo palazzo per l'Accademia di Belle Arti. Frattanto viene depositata in casse all'Arena Civica; durante la guerra sparisce il grande basamento in bronzo.

Nel 1914 Vir temporis acti è acquisito dal museo di Königsberg. Inizia la vicenda "italiana". Wildt si lega d'amicizia con Vittore Grubicy de Dragon (1914) e Ugo Bernasconi (1915); avvicina Gaetano Previati; nel 1914 nasce il rapporto di profonda stima e affetto con Giovanni Scheiwiller, che nel 1917 sposerà la figlia Artemia. Partecipa a numerose esposizioni: Cremona, mostra nel ridotto del teatro Ponchielli, febbraio 1914; Milano, Esposizione Nazionale di Brera, ottobre 1914; Roma, personale alla 84ª Esposizione internazionale della Società degli Amatori e Cultori, marzo 1915; Milano, Mostra dell'autoritratto alla Famiglia Artistica, novembre 1916; dicembre 1916, Esposizione d'arte degli alleati alla Permanente; 1918, Mostra del salvadanaio alla Galleria Pesaro; ottobre 1918, Nazionale di Brera; dicembre 1918, Annuale alla Famiglia Artistica.

È sostenuto dai prestigiosi interventi critici di Raffaello Giolli, Bernasconi (1917) e Sarfatti (1918); è nel giurì d'assegnazione del premio Principe Umberto. Non ha alcun successo di vendita e riprende il mestiere di finitore di marmi. Durante la guerra si dedica a un'intensa attività grafica.

« Poi nel 1919 con la personale alla Galleria Pesaro venne anche il successo popolare ad allontanarmi dai fianchi quella terribile e crudele tirannia che era stata la Povertà »
(Wildt, 1929)

L'anno prima con il successo dell'"Augusto Solari" alla Mostra del Salvadanaio, aveva conosciuto Giuseppe Chierichetti, facoltoso industriale e colto collezionista che gli avrebbe assicurato le commissioni della Vittoria (1919), dei Monumenti ai Caduti di Appiano Gentile e Valduggia (1920), del ricordo della figlia Mariuccia e del mausoleo di famiglia al Monumentale di Milano.

Elabora con Ettore Cozzani e Leonardo Bistolfi i termini del concorso per un Monumento al Fante sul Dan Michele del Carso: propone un'opera alta cento metri e bozzetti in gesso, di un frammento a grandezza naturale, alti cinque metri: proteste dei partecipanti e naufragio del progetto (1919). Con la personale alla Galleria Pesaro ottiene largo e definitivo successo. Ha l'appoggio di Vittorio Pica e Margherita Sarfatti. Espone a Torino, a Venezia (II Esposizione nazionale d'arte sacra, 1920), a Napoli (I Biennale,1921), a Milano (Esposizione d'arte decorativa dell'Umanitaria, 1919; Galleria Pesaro, 1921; Bottega d Poesia, 1922), a Roma (I Biennale,1921) e a Firenze (Fiorentina primaverile, 1922). Diventa una personalità al pari di Arturo Toscanini: D'Annunzio acquista il disegno La Musica e la Poesia (1920); L'Eroica gli consacra un volume sempre nel '20.

Si instaura il luogo critico dell'opposizione a Medardo Rosso e si consolida il parallelo, già avanzato nel 1915, con Gaetano Previati: alla morte di lui disegna la copertina dell'edizione nazionale delle sue opere con testo di D'Annunzio (1920). Sempre D'Annunzio, attraverso Federico Balestra, gli richiede un monumento da collocare a Fiume, sulla terrazza del Comando, che prevede un basamento di bronzo alto tre metri e una testa in marmo di 230 quintali: il progetto non sarà condotto a termine. Nel 1921 esce L'Arte del Marmo, per i tipi di Ulrico Hoepli e grazie al sostegno di Giuseppe Chierichetti. Espone cinquanta opere alla XIII Biennale veneziana e ottiene il premio Città di Venezia con La Famiglia; violente stroncature di Soffici e Papini. È con Mezzanotte e Sommaruga nella commissione per il Monumento ai Caduti di Milano (1922).

L'arte di Wildt[modifica | modifica wikitesto]

Partendo dal sottofondo romantico del tardo Ottocento, Wildt si dedicò all'arte di una scultura fortemente influenzata dalla Secessione e dall'Art Nouveau, caratterizzata da complessi simbolismi e da una definizione quasi gotica delle sue forme. L'estrema levigatezza delle superfici marmoree conferisce ai suoi busti una purezza assoluta ed un'integrità plastica che ha sempre cercato di conciliare con il sentimento drammatico di un'intensità quasi parossistica. Per questo, Wildt sta alle soglie dell'Espressionismo che si dimostra soprattutto nell'espressione dolente e sconvolta del suo Autoritratto del 1908.

Un corpus significativo di suoi capolavori, grazie ad una donazione del marchese Raniero Paulucci di Calboli, che gli fu amico e mecenate, è presente nei Musei Civici di Forlì: Fulcieri Paulucci de' Calboli (1919), Santa Lucia (1926), San Francesco d'Assisi (1926), Maschera del dolore o Autoritratto (1908-1909), Lux (1920), La fontanella santa (1921), La Protezione dei bambini o Pargoli (1918). Nel 2012, la città di Forlì dedica a Wildt un'importante mostra, Adolfo Wildt. L'anima e le forme tra Michelangelo e Klimt[2], che è stata definita, in riferimento a questo artista, "la più grande mostra mai realizzata"[3].

Il busto del Duce[modifica | modifica wikitesto]

Wildt realizzò diverse copie in diversi materiali di busti raffiguranti il duce, il primo dei quali, in gesso, fu esposto la prima volta il 28 ottobre 1923, il giorno del primo anniversario della Marcia su Roma. Era di Wildt il famoso busto di Benito Mussolini che adornava la Casa del Fascio di Milano e la cui demolizione a colpi di picconi nell'aprile del 1945 rimane una delle immagini iconiche della fine del fascismo.[4] Altri prototipi del busto sono conservati ai Musei civici d'Arte e Storia di Brescia (versione del 1923) e alla GAM di Milano. Quest'ultima scultura si differenzia dalle altre in quanto non è un busto, bensì una maschera, realizzata in marmo di Carrara.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Sembra che uno dei metodi del maestro per ottenere la levigatezza traslucida del marmo fosse quello di ripassarlo ripetutamente con stracci imbevuti di urina: un test che sottoponeva ai suoi allievi era quello della realizzazione di sfere di marmo su cui far eseguire la lucidatura e patinatura con il metodo citato.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Adolfo Wildt nei musei[modifica | modifica wikitesto]

Musei in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Emilia-Romagna[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia[modifica | modifica wikitesto]

Veneto[modifica | modifica wikitesto]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Musei all'estero[modifica | modifica wikitesto]

Stato Città del Vaticano[modifica | modifica wikitesto]

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cf. tra altri Pontiggia, Elena: Il maestro dimenticato: "Oggi pochi in Italia conoscono Wildt, che pure gli studiosi considerano uno degli scultori più significativi del nostro secolo. (...) Come tutti i veri maestri, però, Wildt non crea una scuola, ma degli artisti. Non forma degli epigoni, ma figure indipendenti. «Che ognuno sia se stesso è ciò che conta» diceva sempre. E i suoi allievi hanno saputo ascoltarlo."
  2. ^ Il Giornale delle Fondazioni - Wildt Torna A Forl��
  3. ^ Ultimi preparativi per Wildt. Un grande omaggio al "genio dimenticato"
  4. ^ Articolo di Giovanna Poletti sul "Corriere della Sera" del 21 ottobre 1994

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paola Mola (a cura di), Adolfo Wildt: ein italienischer Bildhauer des Symbolismus, Darmstadt: Druck- und Verl.-Ges. 1990 (catalogo della mostra omonima del museo Mathildenhöhe a Darmstadt, 25 marzo – 17 giugno 1990)
  • Giorgio Nicodemi, Adolfo Wildt, Hoepli 1929
  • Adolfo Wildt, L'arte del marmo, Abscondita 2002
  • Elena Pontiggia (a cura di), Adolfo Wildt e i suoi allievi, Skira 2000
  • Vittorio Sgarbi (a cura di), Wildt a Forlì, Marsilio 2000
  • Paola Mola,Fernando Mazzocca (a cura di), Wildt. L'anima e le forme,Silvana Editoriale 2012
  • Dino Formaggio,Rossana Bossaglia,Agnoldomenico Pica,Paola Mola,Marco Lorandi,Raffaele De Grada,C.Gian Ferrari (a cura di), Il Novecento italiano,Mazzotta Editore,1983

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(Forlì, 28 gennaio - 17 giugno 2012)

  • [1] Pagina di Adolfo Wildt sul social network di Facebook.com

Controllo di autorità VIAF: 39533236 LCCN: nr91004709