Adolfo Kaminsky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Adolfo Kaminsky (1º ottobre 1925) , partecipò alla resistenza francese, specializzato nella falsificazione di documenti d'identità, aiutò l'immigrazione ebraica in Israele e il Fronte di Liberazione Nazionale durante la guerra d'Algeria (1954-1962).

Ha falsificato documenti per trent'anni per i vari gruppi attivisti, principalmente per i fronti di liberazione nazionali, senza mai chiedere soldi per questo.

Prima della guerra[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Argentina in una famiglia di ebrei provenienti dalla Russia, la sua famiglia si trasferì a Parigi nel 1932, dove suo padre lavorava come sarto, nel 1938 si trasferì a Vire, nel dipartimento delle Calvados, dove si era stabilito suo zio. Adolfo ha lavorato in un negozio di coloranti, lui era affascinato dalla chimica e dai coloranti. Ha comprato in un mercato delle pulci, un trattato da Marcelin Berthelot. In seguito ha creato un laboratorio proprio a casa di suo zio, e lavorò in un negozio di burro come assistente, di un farmacista che gli ha insegnato le basi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 102621109

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie