Adolf von Henselt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Adolf von Henselt

Adolf von Henselt (Schwabach, 12 maggio 1814Warmbrunn, 10 ottobre 1889) è stato un compositore e pianista tedesco.

Si è precocemente accostato alla musica suonando già all'età di tre anni il violino e a cinque il pianoforte.

Ha studiato musica (pianoforte) a Weimar sotto la guida di Johnann Hummel.

Si mise in evidenza per una peculiare tecnica pianistica, basata su una grande apertura delle dita e su un maggiore stretto "legato".

Nel 1836 iniziò la sua carriera di concertista a Berlino ed appena due anni dopo si trasferì in Russia, a Pietroburgo, dove ottenne importanti incarichi da parte della corte ed effettivamente influenzò la nuova generazione di pianisti locali.

Tra le sue opere principali, sono da annoverare un Concerto per pianoforte, Studii da concerto; Poème d'amour, Ballade, Exercices préparatoires[1].

Opere[modifica | modifica sorgente]

Statua in onore di Adolf von Henselt a Schwabach, Germania.

Musica per piano[modifica | modifica sorgente]

  • Douze études caractéristiques, Op. 2
  • Poëme d'amour, Op. 3
  • Douze études de salon, Op. 5
  • Pensée fugitive, Op. 8
  • Scherzo in B Minor, Op. 9
  • Romance in B-flat Minor, Op. 10
  • Fruhlingslied, Op. 15
  • Fantaisie sur un air bohemien-russe, Op. 16
  • Impromptu no.2, Op. 17
  • Vier Romanzen, Op. 18
  • Deux romances russes de Soumarokoff, Op. 22
  • Toccatina, Op. 25
  • Deux petites valses, Op. 28
  • Sophie polka, Op. 29
  • Chant sans paroles, Op. 33
  • Ballade, Op. 31
  • Nocturne in A-flat Major, Op. 32
  • Impromptu No.3 in B-flat Minor, Op. 34
  • Marche du couronnement d'Alexandre II, Op. 35
  • Valse mélancolique in D Minor, Op. 36
  • Impromptu No.4 in B-flat Minor, Op. 37

Orchestra[modifica | modifica sorgente]

  • Piano Concerto in F Minor, Op. 16

Camera[modifica | modifica sorgente]

  • Duo, Op. 14, per violoncello e piano
  • Piano Trio in A Minor, Op. 24

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. Della Corte e G.M. Gatti, Dizionario di musica, Paravia, 1956, pag.291-292

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • La Mara, Adolf Henselt, ottava edizione, 1911
  • Lenz, Die grossen Pianofortevirtuosen unserer Zeit, 1872

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17417215 LCCN: n84012245