Adivasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Adivasi (sanscrito आदिवासी, Ādivāsīs), letteralmente "abitanti originari", è il termine comune col quale vengono indicati gli appartenenti ai popoli tribali indigeni dell'India. Il termine ufficiale col quale vengono indicati nella costituzione dell'India è invece scheduled tribes ("tribù inventariate").

Le tribù indiane sono anche chiamate atavika (abitanti della foresta, nei testi sanscriti), i Vanvasi o Girijani (popolo della collina come Mahatma Gandhi).

I popoli tribali sono particolarmente numerosi negli stati indiani di Orissa, Madhya Pradesh, Chhattisgarh, Rajasthan, Gujarat, Maharashtra, Andhra Pradesh, Bihar, Jharkhand, Bengala Occidentale e negli stati dell'estremo nord-est come il Mizoram.

Ufficialmente riconosciuti dal governo indiano come "Tribù inventariate" (Scheduled Tribes) nel 5° programma della Costituzione dell'India, sono spesso raggruppati insieme al programma di caste nella categoria di "caste e tribù inventariate" (Scheduled Castes and Tribes).

Durante il XIX secolo, numerosi si convertirono al Cristianesimo.

I gruppi tribali più piccoli sono molto sensibili alla degradazione ecologica causata dalla modernizzazione. Sia la silvicoltura commerciale che l'agricoltura intensiva hanno dimostrato di essere distruttive per le foreste che erano sopravvissute all'agricoltura per molti secoli.

Ci furono diversi adivasi nel Movimento indiano per l'indipendenza (Indian independence movement) come i Khajya Naik, Bhima Naik, Jantya Bhil e Rehma Vasave.

Alcune tribù note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India