Adelina Patti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adelina Patti

Adelina Patti (Madrid, 19 febbraio 1843Craig-y-Nos, 27 settembre 1919) è stata un soprano italiano. Nata in Spagna e cresciuta negli Stati Uniti da famiglia italiana, è considerata uno dei più grandi soprani di coloratura del XX secolo. È la bisnonna di Patti LuPone[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Adela Juana María Patti[2], nome con il quale venne battezzata l'8 aprile 1843, nacque a Madrid, città dove all'epoca lavoravano entrambi i genitori.

Il padre era il tenore di forza siciliano Salvatore Patti (1800-1869), la madre il soprano Caterina Chiesa Barilli (deceduta nel 1870) al secondo matrimonio (dal primo, con l'organista, compositore e insegnante di canto romano Francesco Barilli, Caterina aveva avuto quattro figli: l'acclamato soprano Clotilde Barilli, il baritono Ettore, il basso profondo Antonio e il basso cantante Nicolò).

Adelina, ultimogenita, non fu l'unica dei figli della coppia a seguire la carriera artistica: le sorelle maggiori Carlotta (1835-1889) e Amalia (1831-1915, che divenne moglie del pianista Maurice Strakosch) furono stimate cantanti, mentre il fratello Carlo (1842-1873) fu violinista e direttore d'orchestra.

Patti in un'immagine giovanile

Nel 1844 la famiglia si trasferì a New York, dove il padre lavorò dapprima alla Palmo's Opera House (demolita nel 1876) e in seguito (dal 1849 al 1852) come secondo tenore nella compagnia dell'Astor Place Opera House, guidata all'epoca dal compositore e impresario austriaco Max Maretzek.

La cantante ritratta assieme alla sorella Carlotta in un dipinto caricaturale di André Gill (1840-1885)

Le famiglie Maretzek e Patti, oltre ad essere vicine di casa, erano legate da rapporti di amicizia e la piccola Adelina, che si contraddistinse fin da piccola per capacità canore e memoria musicale, era spesso incentivata a cantare (in cambio di spiccioli o dolciumi) in occasioni dei raduni delle due famiglie.

La sua formazione canora si deve al fratellastro, Ettore, e al cognato Maurice Strakosch.[3] Si racconta che nel 1850, dopo aver assistito ad un concerto di Jenny Lind, al ritorno a casa fu in grado di ripetere alla perfezione i brani cantati dal soprano svedese.

La prima apparizione pubblica risale al 1852, in occasione di un concerto del violinista Michael Hauser, a cui seguirono numerose tournée negli Stati Uniti e Cuba (dove accompagnò il pianista e compositore Louis Moreau Gottschalk). Il suo debutto operistico risale al 24 novembre 1859 all'Academy of Music Opera House di New York, quando la sua interpretazione di Lucia di Lammermoor di Donizetti, assieme al tenore Pasquale Brignoli, incontrò il favore della critica.[4]

Conclusa la stagione a New York, si recò a Londra, accompagnata dal padre, dove fu ingaggiata dal manager del Covent Garden Theatre dove debuttò il 14 maggio 1861 nel ruolo di Amina ne La sonnambula di Vincenzo Bellini, riscuotendo notevole successo. Cantò ad ogni stagione del Covent Garden dal debutto fino al 1884. Si esibì quindi in Germania, nei Paesi Bassi, in Belgio e, nell'autunno dello stesso anno, al Théâtre Italien di Parigi, nuovamente nel ruolo di Amina (16 novembre 1861). In Italia debuttò nella stagione 1865-66. Nel dicembre 1865 è Amina ne La sonnambula e Rosina ne Il barbiere di Siviglia nel Teatro Regio di Torino.

Adelina Patti nei panni di Margherita nel Faust di Charles Gounod

Nel 1862 si esibì alla Casa Bianca cantando Home! Sweet Home!, un brano composto da John Howard Payne per l'opera Clari-The Maid of Milan, commuovendo Abramo Lincoln e la moglie (in lutto per la recente perdita del figlio Willie).[5] Adelina rimase legata al brano che divenne uno dei bis più frequenti ai suoi concerti, accanto alla canzone popolare Comin' Thro' the Rye, riveduta nel XVIII secolo da Robert Burns.

Nel 1868 canta durante i solenni funerali nella Chiesa della Trinité di Parigi del compositore Gioachino Rossini ed è Giovanna nella prima rappresentazione nella Salle Ventadour du Théâtre-Italien di Parigi di "Giovanna d'Arco".

Al Wiener Staatsoper nel 1876 è Valentine ne Gli Ugonotti con Ernesto Nicolini e Rosina ne Il barbiere di Siviglia.

Al Teatro alla Scala nel 1877 è Violetta ne La traviata e nel 1888 Aida.

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1877 con Ernesto Nicolini è Violetta Valery ne La traviata, Rosina ne Il barbiere di Siviglia e Margherita in Faust.

Nel 1881 è Gilda nella prima rappresentazione nella Salle Garnier del Théâtre du Casino di Montecarlo di "Rigoletto".

Nel 1888 è Giulietta nella prima rappresentazione nel Théâtre de l'Opéra di Parigi di "Romeo e Giulietta" diretta dal compositore.

Nel gennaio 1892 canta in concerto per il Metropolitan Opera House di New York, in marzo debutta come Lady Harriet in Martha e nello stesso mese è Semiramide e Violetta ne La traviata ed in aprile Lucia di Lammermoor e Rosina ne Il barbiere di Siviglia.

Nel 1896 è Violetta nella ripresa de La traviata e Mirka nella prima rappresentazione nella Salle Garnier del Théâtre du Casino di Montecarlo di "Mirka l'enchanteresse" di Pollonais.

La sua carriera proseguì di successo in successo. Cantò negli Stati Uniti, in Europa, in Russia e in Sud America, suscitando ovunque l'entusiasmo del pubblico e della critica; il suo aspetto fanciullesco le conferiva un'ottima presenza scenica. Nella sua giovinezza, secondo le testimonianze, la voce straordinariamente limpida le consentì di eccellere nei ruoli di Zerlina nel Don Giovanni, Rosina ne Il barbiere di Siviglia (versione per soprano), nonché soprattutto nei ruoli di coloratura di Lucia di Lammermoor e La sonnambula, che saranno sempre i suoi cavalli di battaglia, cimentandosi anche in ruoli più lirici quali Margherita del Faust e Giulietta di Romeo e Giulietta, entrambe di Charles Gounod. Sua celeberrima antagonista fu il soprano ungherese Etelka Gerster.

La Patti era considerata una cantante poco incline alla sperimentazione, il programma dei suoi concerti includeva invariabilmente le stesse arie. D'altro canto fu un'attrice convincente in ruoli patetici come Gilda nel Rigoletto, Leonora nel Trovatore e Violetta nella Traviata. Quando la sua voce maturò, si cimentò in ruoli di maggior peso, in opere come L'Africaine, Les Huguenots e Aida. Nel 1885 giunse a interpretare Carmen al Covent Garden, raccogliendo uno dei rari insuccessi della sua carriera.

Adelina Patti con il terzo marito: il barone svedese Rolf Caderström

Si sposò tre volte: nel 1868 con il marchese di Caux, da cui divorziò nel 1885; nel 1886 a Londra con il tenore Ernest Nicolini, che fu suo compagno anche sulla scena e che morì nel 1898; nel 1899 con il barone svedese Rolf Caderström, di 27 anni più giovane di lei.

Le è stato dedicato un cratere di 47 km di diametro sul pianeta Venere[6].

Vocalità e personalità interpretativa[modifica | modifica sorgente]

Dotata di una voce non potente ma limpida e di splendido timbro nonché di straordinaria estensione e agilità, fu una delle più autentiche dive teatrali del suo tempo e come tale si concesse ogni genere di libertà nell'adattare gli spartiti ai suoi mezzi vocali. Si narra che un giorno, esibendosi nell'aria del Barbiere di Siviglia «Una voce poco fa» accompagnata al pianoforte dall'anziano Rossini, aggiunse una tale quantità di abbellimenti che il compositore, dopo essersi congratulato, le chiese con ironia chi avesse scritto l'aria.

Eredità artistica[modifica | modifica sorgente]

Ritiratasi in un grandioso castello di sua proprietà presso Craig-y-Nos, in Galles, la Patti continuò ad esibirsi privatamente nel piccolo teatro del palazzo. Tra il 1903 e il 1906, ormai sessantenne, decise di incidere la propria voce grazie agli apparecchi della Gramophone Company, che proprio in quel periodo era alla ricerca di cantanti di fama per arricchire il proprio catalogo[7]. Con la Gramophone la Patti incide una ventina di pezzi, spaziando dalle arie d'opera (Casta diva da Norma, Ah non credea mirarti da La sonnambula, ecc.), ad alcune canzoni popolari inglesi in voga alla fine dell'Ottocento. Nonostante l'età la sua voce si mostrava ancora duttile ed armoniosa, il che unito all'antichità della tecnica vocale ha reso le sue registrazioni particolarmente apprezzate ancora oggi da parte degli appassionati del canto pre-verista.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Judith Newmark, Patinkin, LuPone return to stage, Suburban Journals, 29 marzo 2009. URL consultato il 28 marzo 2009.
  2. ^ La data di nascita è controversa, il New York Times del 2 ottobre 1898 (Certificate of Adelina Patti's Birth. pag. 17) pubblicò il testo del certificato di battesimo nel quale viene indicata la data del 19 febbraio 1843, sempre lo stesso quotidiano in data 30 settembre 1919 (Adelina Patti pag. 18) asserisce che il certificato indica come data di nascita il 10 febbraio 1843.
  3. ^ (EN) Adelina Patti, Tri-County Chronicle: The Best Method of Voice Preservation articolo del 17 febbraio 1905. URL consultato il 21 novembre 2007.
  4. ^ New York Times: Amusements articolo del 28 novembre 1859.
  5. ^ New York Times: Living Stage Folk Who Knew and Cheered Lincoln articolo dell'11 febbraio 1911.
  6. ^ (EN) Venus: Patti
  7. ^ Nel biennio 1902-1904 vengono registrate le voci di Enrico Caruso e Alessandro Moreschi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Hermann Klein, The Reign of Patti, Ayer Co Pub, 1977 - ISBN 978-0-7222-6292-4
  • (EN) Louisa Lauw, Fourteen years with Adelina Patti: Reminiscences of Louisa Lauw, 1977

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54166340 LCCN: n80148743