Adele Bianchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Adele Bianchi (Ferrara, 26 agosto 1842Ferrara, ...) è stata una geografa italiana.

Figlia di Luigi e Carolina Pagliarini, nonché sorella maggiore dell'esploratore Gustavo Bianchi ucciso in Dancalia nel 1884, si occupò di cartografia e di nomi territoriali.

Pubblicò studi a carattere storico-geografico, in particolare sul periodico «La Geografia» edito, fra il 1912 e il 1930, dall'Istituto Geografico De Agostini di Novara.

Fra questi vanno ricordati la monografia corografica La Ciocieria del 1916[1], i saggi sul lago di Lennestadt[2] e sulla grafia e la pronunzia dei nomi dei comuni della Provincia di Como[3], rispettivamente del 1917 e del 1918, e le quattro lezioni su L'Africa che furono pubblicate tra il 1918 e il 1919[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. Bianchi, La cioceria. Monografia corografica, parte I: Aspetto fisico della regione; parte II: Abitanti, Istituto Geografico De Agostini, Novara 1916.
  2. ^ Idem, Il lago di Lenstádt ed alcuni nomi di origine latina, Istituto Geografico De Agostini, Novara 1917.
  3. ^ Idem, La grafia e la pronunzia dei nomi di comune e frazione di comune della provincia di Como, Istituto Geografico De Agostini, Novara 1918.
  4. ^ Idem, L'Africa. Lezioni condotte sulla Lettura della carta per la scuola normale od Istituto tecnico, 4 lezioni, Istituto Geografico De Agostini, Novara 1918-1919.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie