Adalberto di Baviera (1828-1875)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Baviera
Wittelsbach
Wappen Deutsches Reich - Königreich Bayern (Grosses).png

Massimiliano I (1805 - 1825)
Luigi I (1825 - 1848)
Massimiliano II (1848 - 1864)
Luigi II (1864 - 1886)
Otto I (1886 - 1913)
Luigi III (1913 - 1918)
Rupprecht (1921 - 1955)
Foto del principe Adalberto di Baviera.

Adalberto Wittelsbach, il cui nome completo era Adalberto Guglielmo Giorgio Ludovico, in lingua tedesca Adalbert Wilhelm Georg Ludwig (Monaco di Baviera, 19 luglio 1828Castello di Nymphenburg, 21 settembre 1875), fu il nono figlio, e quarto maschio, di re Ludovico I di Baviera e della moglie Teresa di Sassonia-Hildburghausen.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 25 agosto 1856, a Madrid, egli sposò l'infanta Amalia Filippina di Borbone-Spagna (1834-1905), undicesima figlia dell'infante Francesco di Paola, a sua volta figlio cadetto di re Carlo IV di Spagna, e della principessa Luisa Carlotta di Borbone-Due Sicilie.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Il principe Adalberto morì il 21 settembre 1875 e fu sepolto nella chiesa di San Michele di Monaco di Baviera.

Successione greca[modifica | modifica sorgente]

È stato affermato che, a seguito della morte del fratello maggiore Ottone, re di Grecia, il principe Adalberto sarebbe diventato l'erede presuntivo al trono di Grecia. Nella realtà i diritti di successione greca passarono all'altro fratello maggiore, Luitpold, che succedette tecnicamente al trono di Grecia nel 1867; dal momento che suo figlio, re Ludovico III di Baviera, aveva rinunciato a tutti i suoi diritti successori greci, alla morte di Luitpold il suo successore fu il figlio secondogenito, Leopoldo.

In ogni caso, se fosse provato che tutti i discendenti legittimi di Luitpold, escludendo quelli attraverso re Ludovico III, siano tutti estinti, escludendo anche la linea del principe Giorgio di Baviera, ordinato sacerdote, allora i discendenti in linea maschile di Adalberto potrebbero plausibilmente avanzare delle pretese al trono di Grecia.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Adalberto ed Amalia Filippina ebbero cinque figli:

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Adalberto di Baviera Padre:
Ludovico I Re di Baviera
Nonno paterno:
Massimiliano I Giuseppe di Baviera
Bisnonno paterno:
Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld
Trisnonno paterno:
Cristiano III del Palatinato-Zweibrücken
Trisnonna paterna:
Carolina di Nassau-Saarbrücken
Bisnonna paterna:
Maria Francesca del Palatinato-Sulzbach
Trisnonno paterno:
Giuseppe Carlo del Palatinato-Sulzbach
Trisnonna paterna:
Elisabetta Augusta Sofia del Palatinato-Neuburg
Nonna paterna:
Augusta Guglielmina d'Assia-Darmstadt
Bisnonno paterno:
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
Trisnonno paterno:
Luigi VIII d'Assia-Darmstadt
Trisnonna paterna:
Carlotta Cristina Maddalena Giovanna di Hanau-Lichtenberg
Bisnonna paterna:
Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg
Trisnonno paterno:
Cristiano Carlo Reinardo di Leiningen-Dachsburg-Falkenburg-Heidesheim
Trisnonna paterna:
Caterina Polissena di Solms-Rödelheim
Madre:
Teresa di Sassonia-Hildburghausen
Nonno materno:
Federico di Sassonia-Altenburg
Bisnonno materno:
Ernesto Federico III di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonno materno:
Ernesto Federico II di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonna materna:
Carolina di Erbach-Fürstenau
Bisnonna materna:
Ernestina di Sassonia-Weimar
Trisnonno materno:
Ernesto Augusto I di Sassonia-Weimar
Trisnonna materna:
Sofia Carlotta di Brandeburgo-Bayreuth
Nonna materna:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonno materno:
Carlo II di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno materno:
Carlo Ludovico Federico di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna materna:
Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen
Bisnonna materna:
Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt
Trisnonno materno:
Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt
Trisnonna materna:
Luisa di Leiningen-Dagsburg-Heidesheim

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Die Wittelsbacher. Geschichte unserer Familie, Prestel Verlag, Monaco di Baviera, 1979.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 824378