Actually

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Actually
Artista Pet Shop Boys
Tipo album Studio
Pubblicazione 7 settembre 1987
Durata 48:14
Dischi 1
Tracce 10
Genere Synth pop
Etichetta Parlophone
Produttore Stephen Hague
Pet Shop Boys
Julian Mendelesohn
Andy Richards
Shep Pettibone
David Jacob
Registrazione 1987
Certificazioni
Dischi d'oro Stati Uniti Stati Uniti
(Vendite: 500.000+)
Dischi di platino Canada Canada
(Vendite: 80.000+)
Germania Germania
(Vendite: 500.000+)
Finlandia Finlandia
(Vendite: 50.000+)
Regno Unito Regno Unito
(Vendite: 900.000+)</small
Pet Shop Boys - cronologia
Album precedente
(1986)
Album successivo
(1988)
Singoli
  1. It's a Sin
    Pubblicato: 15 giugno 1987
  2. What Have I Done to Deserve This?
    Pubblicato: 10 agosto 1987
  3. Rent
    Pubblicato: 12 ottobre 1987
  4. Heart
    Pubblicato: 21 marzo 1988

Actually è il secondo album in studio del gruppo musicale britannico Pet Shop Boys. Venne realizzato nel 1987 e globalmente vendette più di 4 milioni di copie, risultando fino ad ora il loro terzo maggior risultato in fatto di vendite.

Dall'album vennero estratti quattro singoli: It's a Sin, Rent, What Have I Done to Deserve This? e Heart. Ogni singolo entrò nella Top10 del Regno Unito (le loro posizioni rispettivamente furono prima posizione, ottava posizione, seconda posizione e prima posizione), rendendo Actually l'album più famoso del duo in termini di posizionamenti.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Musicalmente non è molto diverso dal loro primo e precedente album Please, soprattutto in virtù del fatto che molte delle canzoni incluse nell'album furono composte nello stesso periodo in cui vennero composte quelle per Please.

L'album è uno dei più graditi sia dai critici che dai fan e funse da maggiore conferma per la fama mondiale che i Pet Shop Boys avevano acquistato due anni prima con West End Girls.

Originariamente il titolo scelto per l'album sarebbe dovuto essere "Jollysight". Al riguardo, Chris Lowe commentò che il nome deriva "da un hotel che noi due vedemmo in Italia. Quando le persone ci chiedevano il perché di questo titolo, noi potevamo rispondere 'perché è una vista migliore dell'ultimo album'".[1]

Edizione speciale[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 giugno 2001 Actually venne ristampato con il titolo Actually/Further Listening 1987–1988. La riedizione, oltre a contenere il disco originale in veste rimasterizzata, presente un disco aggiuntivo costituito da b-side e remix realizzati dal gruppo tra il 1987 e il 1988.[2] Un'altra riedizione fu pubblicata il 9 febbraio 2009 con il titolo di Actually: Remastered.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Neil Tennant e Chris Lowe, eccetto dove indicato.

  1. One More Chance – 5:30 (Neil Tennant, Chris Lowe, Bobby Orlando)
  2. What Have I Done to Deserve This? (feat. Dusty Springfield) – 4:18 (Neil Tennant, Chris Lowe, Allee Willis)
  3. Shopping – 3:37
  4. Rent – 5:08
  5. Hit Music – 4:44
  6. It Couldn't Happen Here – 5:20 (Neil Tennant, Chris Lowe, Ennio Morricone)
  7. It's a Sin – 4:59
  8. I Want to Wake Up – 5:08
  9. Heart – 3:58
  10. King's Cross – 5:10

Further Listening 1987–1988[modifica | modifica wikitesto]

  1. I Want to Wake Up (Breakdown Mix) – 6:00
  2. Heart (Shep Pettibone Version) – 4:12
  3. You Know Where You Went Wrong – 5:50
  4. One More Chance (Seven-inch Mix) – 3:50
  5. It's a Sin (Disco Mix) – 7:41
  6. What Have I Done to Deserve This? (Extended Mix) – 6:47
  7. Heart (Disco Mix) – 8:40
  8. A New Life – 4:55
  9. Always on My Mind (Demo Version) – 4:03
  10. Rent (Seven-inch Mix) – 3:33
  11. I Want a Dog – 4:58
  12. Always on My Mind (Extended Dance Mix) – 8:15
  13. Do I Have To? – 5:15
  14. Always on My Mind (Dub Mix) – 2:15

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1987) Posizione
massima
Australia[3] 41
Austria[4] 5
Canada[5] 16
Germania[6] 1
Nuova Zelanda[7] 7
Norvegia[8] 3
Paesi Bassi[9] 5
Regno Unito[10] 2
Stati Uniti[11] 25
Svezia[12] 2
Svizzera[13] 3

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Actually è stato incluso nella raccolta dei 1001 album da ascoltare prima di morire.
  • Nel 2006 il Q Magazine introdusse Actually alla posizione numero 22 nella classifica dei migliori 40 album degli anni ottanta.[14]
  • Nel 2012 il Slant Magazine introdusse Actually alla posizione numero 88 nella classifica dei migliori album degli anni ottanta.[15]
  • Nel 2013 l'emittente radiofonica BBC Radio 2 incluse Actually fra i suoi 100 album più trasmessi e ha fatto votare ai suoi ascoltatori la graduatoria di "album preferito". Dopo il lungo voto Actually si classificò al 7º posto sui 100 album in concorso.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Actually, PetShopBoys.com. URL consultato il 5 luglio 2013.
  2. ^ Pet Shop Boys — Product — Actually / Further listening 1987-1988
  3. ^ australian-charts.com - Australian charts portal
  4. ^ austriancharts.at - Austria Top 40 - Hitparade Österreich
  5. ^ www.collectionscanada.gc.ca
  6. ^ Charts-Surfer
  7. ^ charts.org.nz - New Zealand charts portal
  8. ^ norwegiancharts.com - Norwegian charts portal
  9. ^ Charts
  10. ^ Chart Stats - UK Singles & Albums Chart Archive
  11. ^ Music News, Reviews, Articles, Information, News Online & Free Music | Billboard.com
  12. ^ swedishcharts.com - Swedish Charts Portal
  13. ^ Die Offizielle Schweizer Hitparade und Music Community - swisscharts.com
  14. ^ Q August 2006, Issue 241
  15. ^ The 100 Best Albums of the 1980s | Feature | Slant Magazine
  16. ^ BBC Radio 2 Top100
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica