Acrochordus granulatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Acrocordo granulato
ChersydrusGranulatusRooij.jpg
Acrochordus granulatus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Famiglia Acrochordidae
Genere Acrochordus
Specie A.granulatus
Nomenclatura binomiale
Acrochordus granulatus
(Schneider, 1799)
Nomi comuni

acrocordo granulato
serpente lima minore

L'acrocordo granulato (Acrochordus granulatus (Schneider, 1799)), detto anche serpente lima minore, è una specie di serpente che vive nei mari dell'India e dell'Asia meridionale, fino alle Isole Salomone e all'Australia settentrionale.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Esemplare di acrocordo granulato

È un animale completamente acquatico e quasi inerme sulla terraferma. La sua pelle si ferisce facilmente, per lo meno in cattività, nonostante abbia una superficie decisamente ruvida (da qui il nome comune).

Gli acrocordi granulati sono sessualmente dimorfici: i maschi sono molto più piccoli delle femmine, e possiedono un tipo di colorazione decisamente più vivace. Questi acrocordi sono meno massicci degli altri appartenenti alla famiglia, e sono caratterizzati da una strana piega cutanea, simile a una sutura, posta longitudinalmente in posizione ventrale.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

L'acrocordo granulato si rinviene principalmente in piccole pozze, estuari e acquitrini, anche se vive abitualmente in mare aperto. Secondo alcuni studi, questi acrocordi si nutrono principalmente di pesci gatto, di pesci arcobaleno e dei cosiddetti "grunters". Occasionalmente si cibano di anguille, ma sembra che non caccino anfibi. Gli acrocordi granulati usano la loro pelle ruvida per stritolare le prede sott'acqua. Le femmine di questa specie tendono agguati, mentre i maschi sono predatori attivi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Sanders, K., Murphy, J., Lobo, A. & Gatus, J. 2010, Acrochordus granulatus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Acrochordus granulatus in The Reptile Database. URL consultato il 2 luglio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Greer, A.E. 2006. Encyclopedia of Australian Reptiles. Australian Museum Online
  • Shine, R. 1991. Australian Snakes, a Natural History. Ithaca, New York: Cornell University Press.
  • Smith, M.A. 1943 The Fauna of British India, Ceylon and Burma, Including the Whole of the Indo-Chinese Sub-Region. Reptilia and Amphibia. 3 (Serpentes). Taylor and Francis, London. 583 pp.
  • Wall, Frank 1921 Ophidia Taprobanica or the Snakes of Ceylon. Colombo Mus. (H. R. Cottle, govt. printer), Colombo. xxii, 581 pages

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili