Acqua Lete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acqua Lete
Logo
Stato Italia Italia
Fondazione 1893 a Pratella (CE)
Sede principale Roma
Gruppo Lete S.p.A.
Filiali Acqua Lete
Prata
Sorgesana
Settore Acqua minerale effervescente
Slogan «Bevi bene, vivi meglio.»
Sito web www.acqualete.it

L'Acqua Lete è un'acqua effervescente naturale che sgorga nel cuore del Matese, al confine tra Campania e Molise, nel comune di Pratella (CE).

Essa è prodotta dalla società Lete S.p.A., fondata nel 2011 a Roma, che produce anche le acque Prata e Sorgesana. La sua sede è a Roma.

L'acqua, distribuita da SIDAM, ha il certificato 100% Energia Verde di Enel, che assicura l'utilizzo di sola energia rinnovabile.

La fonte[modifica | modifica wikitesto]

La fonte dell'acqua Lete è posta nel cuore del Matese (Campania) verde ed incontaminato, ai confini col Molise, sui Monti del Matese, e precisamente a Letino (in provincia di Caserta).

Storia e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1895 la SGAM inizia a imbottigliare, in vetro, l'Acqua Lete.
  • Nel 1906 vince il Grand Prix di Parigi e l'Honour Prize di Londra.
  • Negli anni ottanta l'azienda inizia ad imbottigliare anche in PET

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2000 la campagna pubblicitaria ha avuto successo principalmente grazie all'introduzione della particella di sodio che, esprimendo in vario modo la sua solitudine all'interno dell'acqua, rappresenta proprio il basso contenuto di sodio.

Lete è da alcuni anni lo sponsor principale del Napoli, da cui lo slogan "Bevi bene tifa meglio".

Nel 2012 è partita la nuova campagna pubblicitaria dell'acqua Lete. I protagonisti sono due bicchieri e un panino che cantano una canzoncina sulla falsariga di Mah-nà mah-nà di Piero Umiliani; essi sono anche apparsi all'interno di Carosello Reloaded.

Un caso particolare di pubblicità si ha nei programmi di Rai 1 Affari tuoi e Soliti ignoti - Identità nascoste dove vicino al concorrente è visibile una bottiglietta di Lete.

Dalla stagione 2013/2014 è uno degli sponsor dell'Inter e della Fiorentina, presente come cartellonistica nello stadio e come bottiglie fornite in dotazione ai calciatori per allenamenti e partite.[1][2]

La nuova campagna pubblicitaria lancia nel 2014 vede protagonista una famiglia di bolle.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della famosa acqua deriva dall'omonimo fiume della provincia di Caserta che nasce sul massiccio del Matese, precisamente nel campo delle secine ad un'altitudine di 1028 m s.l.m., nel comune di Letino, lungo 20 km e affluente di sinistra del fiume Volturno. Il fiume bagna anche il comune di Pratella, dov'è ubicato lo stabilimento di imbottigliamento dell'acqua. Già dall'Ottocento la sua acqua, raccolta dalla sorgente in anfore di terracotta, veniva trasportata su carri di legno in un vasto territorio. Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, l'acqua Lete ottenne i primi riconoscimenti a livello internazionale e ben presto, dalla produzione artigianale, si passò ai primi impianti di imbottigliamento.

Il fiume Lete nella mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Lete è il fiume dell'oblio della mitologia greca e romana. Era originariamente il nome della figlia della dea Eris.

Il Lete da Platone ai moderni[modifica | modifica wikitesto]

Il fiume è presente nel X libro della Repubblica di Platone, dove viene narrato il mito di Er, disceso nell'oltretomba per conoscere i misteri della reincarnazione delle anime. Nei frammenti degli orfici troviamo la raccomandazione, agli iniziati che sono giunti nell'aldilà e si apprestano a entrare in una nuova vita, di non bere l'acqua che induce l'oblio, ma di cercare di far tesoro del proprio passato per conseguire un superiore livello di saggezza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fiorentina, nuovo sponsor per il campionato 2013/2014: Acqua Lete fiorentina.it
  2. ^ http://www.acqualete.it/it/comunicazione/comunicazione_sportiva/fc_internazionale/fc_internazionale.htm

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]