Acidosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Acidosi
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 276.2
ICD-10 (EN) E87.2

Per acidosi in campo medico, si intende un aumento dell'acidità, ovverosia un incremento della concentrazione di ioni idrogeno di un qualsiasi fluido o tessuto con conseguente abbassamento del pH, sia per effettivo aumento di ioni positivi sia per la diminuzione di ioni negativi con effetto tampone. Se non diversamente specificato il termine acidosi si riferisce al plasma sanguigno. Si definisce acidosi quando il pH arterioso scende al di sotto del valore di 7.35.

L'esatto contrario di questa condizione si chiama alcalosi e si ha quando il valore del pH supera 7,45.

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

I vari tipi di acidosi prendono il nome dall'elemento che le ha originate:

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Le cause variano a seconda delle forme

Terapia[modifica | modifica sorgente]

Consiste nel cercare di normalizzare i valori; quando ci si ritrova di fronte ad una grave forma di acidosi si rende necessaria l'infusione di bicarbonato o, in caso di concomitante perdita di liquidi, della soluzione di Hartmann.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina