Acido tannico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido tannico
Tannic acid.svg
Nome IUPAC
2,3-diidrossi-5-({[(2R,3R,4S,5R,6R)-3,4,5,6-tetrakis({3,4-diidrossi-5-[(3,4,5-triidrossifenil)carbonilossi]fenil}carbonilossi)ossan-2-il]metossi}carbonil)fenil 3,4,5-triidrossibenzoato
Nomi alternativi
Acido tannico, tannino
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C76H52O46
Massa molecolare (u) 1701,19
Aspetto Solido marrone
Numero CAS [1401-55-4]
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua 250 g/L
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

L'acido tannico è la forma con cui viene commercializzato il tannino, un polifenolo. È presente in natura nei legni di quercia, noce e mogano.

L'acido tannico non è pericoloso per l'ambiente. [2]

Struttura e proprietà[modifica | modifica sorgente]

La molecola dell'acido tannico è prodotta dalla condensazione di una molecola di glucosio e cinque molecole di Acido digallico, a loro volta formate per esterificazione di due molecole di acido gallico.

I gruppi fenolici presenti nella struttura molecolare conferiscono all'acido tannico una lieve acidità (pKa 10).
Con basi forti forma sali detti tannati.

Applicazioni[modifica | modifica sorgente]

Una bottiglia di acido tannico.

Viene impiegato come mordente per le fibre di cellulosa, come il cotone.

È stato utilizzato contro l'avvelenamento da stricnina tra il 19° e il XX secolo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

The Merck Index, 9th edition, Merck & Co., Rahway, New Jersey, 1976.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 20.09.2012
  2. ^ GESTIS database

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia