Acido naftenico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido naftenico
un acido naftenico
Nomi alternativi
Acido naftoico
Caratteristiche generali
Massa molecolare (u) 180-350
Aspetto liquido oleoso giallo chiaro tendente al nero
Numero CAS [1338-24-5]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,982
Solubilità in acqua scarsa
Temperatura di fusione da −35 °C a +2 °C (da 238,15 a 275,15 K)
Temperatura di ebollizione 140-370 °C (413,15-643,15 K)
Indicazioni di sicurezza
Flash point 149 °C (422,15 K)
Simboli di rischio chimico
irritante pericoloso per l'ambiente
Frasi H 315 - 319 - 335 - 411
Consigli P 261 - 273 - 305+351+338 [1]

Il termine acido naftenico si riferisce a una varia mistura di diversi acidi carbossilici ciclopentilici e cicloesilici con P.M. da 120 a 700 dalton, e la cui principale frazione comprende l'intervallo da 9 a 20 atomi di carbonio.

Il nome viene anche utilizzato per indicare la frazione acidica ottenibile dal petrolio, composta da acidi carbossilici insaturi caratterizzati da formula chimica generica CnH2n+1COOH e da peso molecolare compreso tra 180-350. Sono liquidi di consistenza oleosa e poco odorosi, con colorazione giallo chiaro tendente al nero se impuri.

Agli acidi naftenici si devono una serie di problematiche legate alla corrosione delle tubature degli impianti di raffineria alle temperature di esercizio.

I suoi esteri trovano utilizzo quali disperdenti per produrre primer acquosi conduttivi.[2] Un derivato dell'acido naftenico è il napalm, ottenuto dalla coprecipitazione dei sali di alluminio dell'acido naftenico e dell'acido palmitico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 01.08.2012
  2. ^ J.L. Carmine, R.A. Ryntz, The use of naphthenic acid ester as a dispersing agent in aqueous conductive primers, Journal of coatings technology, vol. 66, pagg. 93-98, 1994

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia