Acidificazione degli oceani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cambiamento del pH della superficie marina causato da CO2 di origine antropogenica tra il 1700 e il 1990.

L'acidificazione degli oceani è il nome dato alla decrescita del valore del pH oceanico, causato dalla assunzione di anidride carbonica di origine antropica dall'atmosfera.[1] Circa un quarto della CO2 presente nell'atmosfera va a finire negli oceani dove si trasforma in acido carbonico (H2CO3).

All'aumento di CO2 nell'atmosfera corrisponde perciò un corrispondente incremento di quella disciolta nell'acqua marina. È stato stimato che tra il 1751 e il 1994, il pH superficiale delle acque oceaniche si sia abbassato da 8,25 a 8,14,[2] con un corrispondente aumento della concentrazione di ioni H+.[3][4][5]

Il processo di continua acidificazione delle acque oceaniche ha indubbiamente un effetto sulla catena alimentare collegata a queste acque[6] e in particolare può influire sul lisoclino e sulla profondità di compensazione dei carbonati, che porta allo scioglimento dei gusci calcarei delle conchiglie dei molluschi e del plancton calcareo, costituite da carbonato di calcio (CaCO3).

Il ciclo del carbonio[modifica | modifica sorgente]

Il ciclo della CO2 tra l'atmosfera e l'oceano.

Il ciclo del carbonio descrive il flusso dell'anidride carbonica tra gli oceani, la biosfera terrestre, la litosfera[7] e l'atmosfera. Le attività antropiche come l'impiego di combustibili fossili, le emissioni in atmosfera e il cambiamento nell'utilizzo della terra, hanno modificato il flusso della CO2 nell'atmosfera. Circa il 45% di questo gas è rimasto nell'atmosfera, mentre la parte rimanente è stata assorbita dagli oceani[8] e dalle piante terrestri.[9]

Il ciclo del carbonio coinvolge sia composti organici che composti inorganici del carbonio, come la stessa CO2 e i carbonati. I composti inorganici in particolare hanno una influenza significativa per quanto riguarda l'acidificazione delle acque oceaniche causata dalla CO2.[10]

Quando la CO2 si scioglie nell'acqua, essa dà luogo ad una serie di composti chimici: CO2 libera disciolta, acido carbonico (H2CO3), bicarbonato (HCO3) e carbonato (CO32-). Il rapporto tra questi composti dipende da vari fattori tra cui la temperatura e l'alcalinità dell'acqua.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ K. Caldeira, Wickett, M.E., Anthropogenic carbon and ocean pH in Nature, vol. 425, nº 6956, 2003, pp. 365–365, Bibcode:2001AGUFMOS11C0385C, DOI:10.1038/425365a, PMID 14508477.
  2. ^ M.Z. Jacobson, Studying ocean acidification with conservative, stable numerical schemes for nonequilibrium air-ocean exchange and ocean equilibrium chemistry in Journal of Geophysical Research – Atmospheres, vol. 110, 2005, pp. D07302, Bibcode:2005JGRD..11007302J, DOI:10.1029/2004JD005220.
  3. ^ Hall-Spencer JM, Rodolfo-Metalpa R, Martin S, et al., Volcanic carbon dioxide vents show ecosystem effects of ocean acidification in Nature, vol. 454, nº 7200, luglio 2008, pp. 96–9, Bibcode:2008Natur.454...96H, DOI:10.1038/nature07051, PMID 18536730.
  4. ^ "Ocean acidification and the Southern Ocean" by the Australian Antarctic Division of the Australian Government
  5. ^ Report of the Ocean Acidification and Oxygen Working Group, International Council for Science's Scientific Committee on Ocean Research (SCOR) Biological Observatories Workshop
  6. ^ Cornelia Dean, Rising Acidity Is Threatening Food Web of Oceans. New York Times, January 30, 2009
  7. ^ carbon cycle in Encyclopædia Britannica Online. URL consultato l'11 febbraio 2010.
  8. ^ J.A. Raven, Falkowski, P.G., Oceanic sinks for atmospheric CO2 in Plant, Cell & Environment, vol. 22, nº 6, 1999, pp. 741–755, DOI:10.1046/j.1365-3040.1999.00419.x.
  9. ^ W. Cramer, et al., Global response of terrestrial ecosystem structure and function to CO2 and climate change: results from six dynamic global vegetation models in Global Change Biology, vol. 7, nº 4, 2001, pp. 357–373, DOI:10.1046/j.1365-2486.2001.00383.x.
  10. ^ Lee R. Kump, James F. Kasting e Robert G. Crane, The Earth System, 2nd, Upper Saddle River: Prentice Hall, 2003, pp. 162–164, ISBN 0-613-91814-2.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ridgwell, A. & Zeebe, R.E.,: The role of the global carbonate cycle in the regulation and evolution of the Earth system. Earth and Planetary Science Letters, 234: p. 299– 315. 2005.
  • Sarmiento, J.L. & Gruber, N.,: Ocean Biogeochemical Dynamics. Princeton University Press. 2006.
  • Butler, J. N., 1991: Carbon Dioxide Equilibria and Their Applications. CRC Press, 1982 ISBN 978-0-87371-624-6

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]