Achilleo di Larissa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Achilleo
Achillius.jpg

Vescovo

Nascita III secolo
Morte IV secolo
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 15 maggio

Achilleo di Larissa, o Achilio, in latino Achilleus o Achilius (Cappadocia, fine III secolo – metà IV secolo), è stato un vescovo e santo greco antico.

Fu vescovo di Larissa, ed è venerato come santo (ricorrenza il 15 maggio).

Nato da famiglia patrizia e cresciuto sotto l'impero di Costantino I, ebbe un'ottima educazione, basata sulle dottrine classiche ma anche sui fondamenti del cristianesimo.

Alla morte dei genitori, lasciò i propri beni ai poveri e raggiunse la Palestina per visitare il Santo Sepolcro. Seguì poi un pellegrinaggio a Roma, dove raggiunse le tombe dei santi Pietro e Paolo e, ispirato al loro esempio, partì per evangelizzare i pagani.

Arrivato a Larissa, in Tessaglia, accettò la carica di vescovo essendo la diocesi locale vacante. In questa veste, Achilleo confermò la sua indole pietosa attraverso varie opere di carità: fondò, tra l'altro, un ospedale e un ospizio per gli anziani.

Nel 325 partecipò al Concilio di Nicea per combattere l'eresia ariana. Tornando, passò per Costantinopoli dove fu accolto dal patriarca Mitrofane e dall'imperatore Costantino, il quale gli offrì fondi per altre opere pie. Giunto a Larissa, fece abbattere tutti i templi pagani rimasti sostituendoli con luoghi di culto cristiani.

Si distinse inoltre come fautore di miracoli e guarigioni ed è per questo ricordato come il Taumaturgo.

Dopo la sua morte fu sepolto a Larissa ma, temendo le invasioni dei Bulgari, nel 978 furono trasportate a Prespa, in Macedonia, che da allora si chiamò Achilli.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]