Achemenide (Odisseo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, Achemenide era uno dei compagni di Odisseo durante il suo viaggio di ritorno da Troia.

Il mito[modifica | modifica sorgente]

Achemenide fu dimenticato nelle terre dei Ciclopi. Qui visse a lungo nascondendosi e perdendo ogni speranza di venire salvato, finché Enea, tempo dopo, lo trovò e lo portò via con sé, senza fargli del male.

Altra versione[modifica | modifica sorgente]

Secondo un'altra versione del mito, Achemenide fuggì con Enea durante la guerra di Troia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti antiche[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia moderna[modifica | modifica sorgente]

  • Angela Cerinotti, Miti greci e di roma antica, Prato, Giunti, 2005, ISBN 88-09-04194-1.
  • Anna Ferrari, Dizionario di mitologia, Litopres, UTET, 2006, ISBN 88-02-07481-X.
  • Anna Maria Carassiti, Dizionario di mitologia classica, Roma, Newton, 2005, ISBN 88-8289-539-4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]