Ach wie flüchtig, ach wie nichtig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ach wie flüchtig, ach wie nichtig
Bach.jpg
Johann Sebastian Bach
Compositore Johann Sebastian Bach
Tipo di composizione cantata
Numero d'opera BWV 26
Epoca di composizione 1724
Prima esecuzione 19 novembre 1724
Durata media circa 17 minuti
Organico

soprano solista, contralto solista, tenore solista, basso solista, coro, corno, flauto, violino I e II, oboe I, II e III, viola e basso continuo.

Movimenti

6

Ach wie flüchtig, ach wie nichtig (in tedesco, "Ah quanto fugace, ah quanto effimera") BWV 26 è una cantata di Johann Sebastian Bach.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La cantata Ach wie flüchtig, ach wie nichtig venne composta da Bach a Lipsia nel 1724 per la XXIV domenica dopo la Trinità e fu eseguita il 19 novembre dello stesso anno. Il testo è di Michael Franck per i movimenti 1 e 6 e di autore sconosciuto per i rimanenti.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La cantata è scritta per soprano solista, contralto solista, tenore solista, basso solista, coro, corno, flauto, violino I e II, oboe I, II e III, viola e basso continuo ed è suddivisa in sei movimenti:

  1. Coro: Ach wie flüchtig, ach wie nichtig, per tutti.
  2. Aria: So schnell ein rauschend Wasser schießt, per tenore, flauto, violino e continuo.
  3. Recitativo: Die Freude wird zur Traurigkeit, per contralto e continuo.
  4. Aria: An irdische Schätze das Herze zu hängen, per basso, oboi e continuo.
  5. Recitativo: Die höchste Herrlichkeit und Pracht, per soprano e continuo.
  6. Corale: Ach wie flüchtig, ach wie nichtig, per tutti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica