Acetato rameico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acetato rameico
Copper(II)-acetate.jpg
Nome IUPAC
Dietanoato di rame
Nomi alternativi
Acetato di rame(II)
Acetato rameico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare Cu(CH3COO)2
Massa molecolare (u) 182 g/mol
Aspetto solido verde
Numero CAS [6046-93-1]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,88 (20 °C)
Temperatura di fusione 115 °C (388 K)
Temperatura di ebollizione °C (273 K) (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo irritante pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 302 - 318 - 410
Consigli P 280 - 273 - 305+351+338 [1]

L'acetato rameico è il sale di rame (II) dell'acido acetico.

A temperatura ambiente si presenta come un solido verde inodore. È un composto nocivo.

Sintesi[modifica | modifica sorgente]

Il metodo più semplice per ottenere dell'acetato di rame è mettere dell'aceto sul metallo e lasciarlo esposto all'aria:

Cu + O2 → CuO

L'acido acetico non può corrodere il rame puro. Con l'ossido di rame invece reagisce abbastanza facilmente.

CuO + 2CH3COOH → Cu(CH3COO)2 + H2O[2]

Oppure può reagire con il carbonato di rame per formare l'acetato di rame (II)

    CuCO3 + 2CH3COOH --> Cu(CH3COO)2 + CO2 + H2O

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda dell'acetato rameico su IFA-GESTIS
  2. ^ (EN) Vinegar and tarnished copper coins

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia