Acer grandidentatum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Acer grandidentatum
Bigtooth Maple 2.jpg
Portamento
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione classica
Dominio Eukaryota
Regno Plantæ
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Sapindales
Famiglia Aceraceae
Genere Acer
Specie A. grandidentatum
Classificazione filogenetica
Ordine Sapindales
Famiglia Sapindaceae
Nomenclatura binomiale
Acer grandidentatum
Nutt.
Sinonimi

Acer saccharum grandidentatum

Areale

Acer grandidentatum range map.png

L'Acer grandidentatum Nutt. è un albero appartenente alla famiglia delle Aceracee, strettamente correlato all'acero da zucchero (Acer saccharum), del quale è talvolta considerato una sottospecie[1]. È comune nelle zone occidentali degli Stati Uniti d'America[1].

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Portamento[modifica | modifica sorgente]

La pianta è di dimensioni piccole, fino a 12 m di altezza, con chioma espansa e cespugliosa[1].

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Le foglie sono simili a quelle dell'A. saccharum ma sono più spesse e i lobi sono più ottusi[1]. La pagina superiore è di colore verde intenso, quella inferiore bianco-bluastra[1]. Sono opposte, semplici, tri- o pentalobate e lunghe 6–12 cm.

Fiori[modifica | modifica sorgente]

I fiori appaiono contemporaneamente alle foglie a metà primavera; sono infiorescenze in corimbi di of 5–15 fiori, di colore giallognolo-verdastro, dal diametro di 4–5 mm.

Frutti[modifica | modifica sorgente]

I frutti sono samare doppie (disamare), di colore da verde a rosaceo, che divantano bruni a inizio dell'autunno; i semi sono globulari, di 7–10 mm di diametro, con un'ala singola lunga 2–3 cm.

Corteccia[modifica | modifica sorgente]

La corteccia è di colore pallido[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Maria Teresa Della Beffa, Botanica, Savigliano, Gribaudo-Könemann [2003], 2006.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica