Accordo di Nassau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Accordo di Nassau è un trattato negoziato tra il presidente John F. Kennedy per gli Stati Uniti d'America ed il primo ministro Harold Macmillan per il Regno Unito. Fu discusso dai due leader nel corso di un vertice, durato tre giorni, alle Bahamas e firmato il 18 dicembre 1962.

L'accordo prevedeva la fornitura da parte degli Stati Uniti al Regno Unito di missili a testata nucleare del tipo UGM-27 Polaris, in cambio dei quali il Governo britannico avrebbe fittato agli americani una base per sottomarini nucleari nell'Holy Loch, nei pressi di Glasgow. Anche se questi missili sarebbero stati parte di una "forza multilaterale" inserita in ambito NATO, essi avrebbero potuto essere usati in caso di "supremo interesse nazionale".

La fornitura dei Polaris, inoltre, compensava la Gran Bretagna per l'interruzione del programma Skybolt, un missile a testata nucleare aviolanciato che era congiuntamente sotto sviluppo con gli Stati Uniti e che non era stato più ritenuto dal Pentagono d'importanza strategica.

Il presidente francese Charles de Gaulle giudicò quest'accordo un chiaro segnale dell'intenzione della Gran Bretagna di rafforzare la sua partnership speciale con gli Stati Uniti in un momento in cui Londra stava negoziando il suo ingresso nella Comunità Europea. Di conseguenza ciò contribuì alla decisione dell'Eliseo di porre il veto, il 14 gennaio 1963 sull'ingresso del Regno Unito nell'integrazione comunitaria.

guerra fredda Portale Guerra fredda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra fredda