Accordo centroamericano sui controlli di confine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'accordo centroamericano sui controlli di confine (o CA-4) è un trattato internazionale stipulato nel giugno del 2006 tra El Salvador, Guatemala, Honduras e Nicaragua, che prevede la libertà di circolazione, per i cittadini degli stati firmatari, nei territori degli stati stessi senza alcuna formalità o controllo doganale.[1][2]

Cittadini stranieri[modifica | modifica sorgente]

I diritti di libera circolazione, previsti dalla convenzione, si estendono a tutti quei cittadini stranieri che sono entrati legalmente in uno stato firmatario. I cittadini che vengono espulsi da uno stato firmatario, non potranno entrare in uno degli altri stati membri.[1]

Cittadini stranieri esenti da visto[modifica | modifica sorgente]

I cittadini dei seguenti stati non necessitano di un visto per entrare nei paesi dell'accordo, per permanenze non superiori ai novanta giorni:[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b books.google.it
  2. ^ (EN) travel.state.gov
  3. ^ (EN) Informazione sui visti dell'ambasciata salvadoregna di Londra
  4. ^ L'esenzione del visto è solo per Honduras ed El Salvador.
  5. ^ L'esenzione visto è solo per l'Honduras.
  6. ^ Eccetto i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]