Accademia di belle arti "Bezalel"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Accademia delle Belle Arti di Gerusalemme "Bezalel"
Bezalel.jpg
Stato Israele Israele
Città Gerusalemme
Fondazione 1906
Sito web www.bezalel.ac.il
 
Lo storico edificio dell'Accademia, fotografato nel 1913

L'Accademia delle Belle Arti di Gerusalemme (l'istituzione in ebraico: בצלאל, אקדמיה לאמנות ועיצוב?; in inglese: Bezalel Academy of Arts and Design) è una scuola superiore israeliana per la formazione artistica, intitolata al personaggio biblico "Bezalel, figlio di Uri" (in ebraico: בְּצַלְאֵל בֶּן־אוּרִי). Fu fondata nel 1906 dal professore ebreo-lituano Boris Schatz (già tra i fondatori della "Reale Accademia d'Arte di Sofia"), come centro giudaico-orientale per lo sviluppo delle arti applicate e dell'artigianato in Palestina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'istituto venne fondato da Boris Schatz nel 1906. Theodor Herzl e i primi sionisti furono tra i fautori di uno stile d'arte nazionale che includesse tradizioni ebraico-orientali ed europee. I maestri della "Bezalel" svilupparono quindi una distinta maniera d'arte, conosciuta come scuola di Bezalel, che si occupò di ritrarre soggetti biblici e sionisti in uno stile influenzato dallo Jugendstil (Art Nouveau) e dall'arte tradizionale persiana e siriana. Gli artisti di questa scuola miscelarono «vari filoni di ambientazione, tradizione e innovazione,» nei dipinti e negli oggetti di artigianato che richiamassero «temi biblici, design islamico e tradizioni europee,» provando quindi a «ritagliarsi uno stile distintivo per l'arte ebraica» della nuova nazione che s'intendeva realizzare nell'antica patria ebraica.[1]


Persone legate all'Accademia "Bezalel"[modifica | modifica wikitesto]

Studenti[modifica | modifica wikitesto]

Insegnanti[modifica | modifica wikitesto]

  • Boris Schatz (1867-1932), fondatore dell'Accademia di belle arti di Bezalel
  • Siona Shimshi (born 1939), pittore, scultore, ceramista, designer di tessuti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Edward Rothstein, MUSEUM REVIEW - DERFNER JUDAICA MUSEUM, Jewish Art, the Hudson and Bingo in the Bronx in The New York Times, 10 giugno 2009. URL consultato il 10 ottobre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 31°47′35″N 35°14′50″E / 31.793056°N 35.247222°E31.793056; 35.247222