Acantite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acantite
AcanthiteSAXE.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10) 2.BA.35
Formula chimica Ag2S
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico
Sistema cristallino monoclino
Classe di simmetria prismatica
Parametri di cella a=4,229, b=6,931, c=7,862
Gruppo puntuale 2/m
Gruppo spaziale P 21/n
Proprietà fisiche
Densità 7,3 g/cm³
Durezza (Mohs) 2
Sfaldatura imperfetta
Frattura concoide, irregolare
Colore grigio piombo, nero
Lucentezza metallica su frattura fresca, altrimenti fievole
Opacità opaca
Striscio nera, semi-brillante
Diffusione assai rara
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

L'acantite è un minerale, un solfuro di argento.

Il nome deriva dal greco άκανθα = spina, per la forma colonnare e a punta dei cristalli

Descritta per la prima volta da Wilhelm Karl Ritter von Haidinger (1795 - 1871), geologo e mineralogista austriaco, nel 1845.

Abito cristallino[modifica | modifica sorgente]

I cristalli hanno facce spesso ritorte, irregolari, a volte geminati; anche in laminette e cristalli equidimensionali colonnari.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

Idrotermale, secondaria. Ha paragenesi con polibasite, proustite, pirargirite e argento.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica sorgente]

L'acantite si presenta in cristalli, dendriti, aggregati granulari e massivi.

Caratteri fisico-chimici[modifica | modifica sorgente]

È malleabile, flessibile e settile. Forma spesso delle pseudomorfosi di argentite, pseudorombico stabile a temperature inferiori a 179 °C, poi cubico esacisottaedrico a temperature superiori (argentite). Solubile in HCl, ammoniaca e HNO3.

Località di ritrovamento[modifica | modifica sorgente]

Si trova in cristalli fino a 4 kg a Friburgo, in Germania, a Banská Štiavnica, in Cecoslovacchia; a Kongsberg, in Norvegia, in Cornovaglia, Gran Bretagna; ad Arispa, in Messico.

Utilizzazioni[modifica | modifica sorgente]

L'acantite rappresenta una fonte importante per l'estrazione dell'argento.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mineralogia - Cornelis Klein - Zanichelli (2004)
  • Le rocce e i loro costituenti - Morbidelli - Ed. Bardi (2005)
  • Guida al riconoscimento dei minerali - Borelli e Cipriani - Mondadori (1987)
  • I minerali d'Italia - SAGDOS - 1978
  • Minerali e Rocce - Corsini e Turi - Enciclopedie Pratiche Sansoni (1965)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia