Abu Dhabi (emirato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Abu Dhabi
emirato
أبوظبي
Abu Dhabi – Stemma Abu Dhabi – Bandiera
Panorama di Abu Dhabi
Panorama di Abu Dhabi
Localizzazione
Stato Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Amministrazione
Capoluogo Abu Dhabi
Emiro Khalifa bin Zayed Al Nahayan
Territorio
Coordinate
del capoluogo
24°28′00.12″N 54°22′00.12″E / 24.4667°N 54.3667°E24.4667; 54.3667 (Abu Dhabi)Coordinate: 24°28′00.12″N 54°22′00.12″E / 24.4667°N 54.3667°E24.4667; 54.3667 (Abu Dhabi)
Superficie 67 340 km²
Abitanti 2 210 700 (2011)
Densità 32,83 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+4
ISO 3166-2 AE-AZ
Cartografia

Abu Dhabi – Localizzazione

Abu Dhabi o, più correttamente, Abu Ẓaby (in in arabo: أبوظبي, Abū Ẓabī, letteralmente "il padre della gazzella"), è uno dei sette emirati che compongono dal 1971 gli Emirati Arabi Uniti, nel sud-est del Golfo Persico. È il più grande emirato per superficie con i suoi 73.548 km² (che rappresentano circa l'86% della superficie totale degli Emirati Arabi Uniti), e il secondo per popolazione, dopo Dubai. Qui hanno sede le compagnie petrolifere, molte ambasciate straniere e il governo federale. I ricavi principali dell'emirato provengono dall'industria e dall'edilizia. Questi ricavi hanno contribuito al 65,5% dell'economia degli Emirati Arabi Uniti nel 2008. Abu Dhabi è anche il nome della città capitale dell'emirato e degli Emirati Arabi Uniti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Antichi resti archeologici ritrovati in Abu Dhabi testimoniano che già nel III millennio a.C. la regione era abitata da pastori nomadi e da pescatori. La moderna Abu Dhabi affonda le sue origini al sorgere di un importante confederazione tribale, i Bani Yas, nel tardo XVIII secolo, che assunsero anche il controllo di Dubai. Nel XIX secolo questa confederazione si spezzò in due rami: quello di Dubai e quello di Abu Dhabi.

Nella metà del XX secolo, l'economia di Abu Dhabi ha continuato ad essere sostenuta principalmente dall'allevamento del cammello, dalla produzione di datteri e verdura nelle oasi nell'entroterra di Al Ain e Liwa, dalla pesca e dalla raccolta delle perle al largo della costa di Abu Dhabi. La maggior parte delle abitazioni ad Abu Dhabi erano costruite con foglie di palma, mentre le famiglie più ricche occupavano capanne di fango. La caduta del settore delle perle avvenuta nella prima metà del XX secolo ha creato disagi per i residenti di Abu Dhabi, visto che il settore delle perle rappresentava la fonte principale delle esportazioni.

Nel 1958, sotto il regno dello sceicco Shakhbut Bin-Sultan Al Nahyan furono trovati i giacimenti di petrolio. In un primo momento, i ricavi del petrolio hanno avuto un impatto marginale. Furono costruiti alcuni edifici in cemento armato e la prima strada lastricata fu completata nel 1961, ma lo sceicco Shakhbut adottò un approccio prudente, preferendo salvare le entrate del petrolio piuttosto che investire nello sviluppo. Suo fratello, lo sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan riteneva che la ricchezza derivante dal petrolio aveva il potenziale per trasformare Abu Dhabi in una grande ed importante città. La famiglia regnante decise che Zayed doveva sostituire il fratello come governante e realizzare la sua visione di sviluppo del paese. Il 6 agosto 1966, con l'aiuto degli inglesi, lo sceicco Zayed diventò il nuovo sovrano.

Il 2 dicembre 1971 l'emirato di Abu Dhabi ottenne l'indipendenza dal Regno Unito e si unì con gli altri emirati degli Stati della Tregua a formare gli Emirati Arabi Uniti.

Dopo che gli Emirati ottennero l'indipendenza nel 1971, la ricchezza derivante dal petrolio ha continuato a fluire verso l'area e le tradizionali capanne di mattoni e fango sono state rapidamente sostituite da banche, boutique e grattacieli moderni.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Abu Dhabi dal satellite nel marzo 2003.

L'emirato di Abu Dhabi si trova nella ricca di petrolio e strategica regione del Golfo Persico. L'emirato confina con l'Arabia Saudita a sud-ovest, con l'Oman ad est, con l'emirato di Dubai e Sharjah a nord. La sua superficie è di 73.548 km² e ha una popolazione di 928.300 abitanti.

Clima[modifica | modifica sorgente]

I mesi da giugno a settembre sono generalmente caldi e umidi con temperature medie di 43 °C. Durante questo periodo, si verificano tempeste di sabbia, in alcuni casi riducendo la visibilità fino a pochi metri. Il clima è generalmente piacevole da ottobre a maggio. I mesi di gennaio e febbraio sono i più freschi. In questo periodo si possono vedere fitte nebbie in alcuni giorni. La città oasi di Al Ain, a circa 150 km di distanza da Abu Dhabi, al confine con l'Oman, registra regolarmente le temperature estive più alte del paese.

Città principali[modifica | modifica sorgente]

Abu Dhabi è la città più moderna dell'emirato. Altri centri urbani importanti sono Al 'Ain (un agglomerato di diversi villaggi sparsi intorno ad un'oasi nel deserto. Viene chiamata anche la "Città Giardino" degli Emirati Arabi Uniti), Baniyas e Ruwais.

Le città principali sono:

L'emirato di Abu Dhabi (in giallo).

Politica[modifica | modifica sorgente]

Dal 4 novembre 2004 il Presidente degli Emirati Arabi Uniti è lo sceicco di Abu Dhabi Khalifa bin Zayed Al Nahayan.

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'economia dell'emirato si basa quasi esclusivamente sull'industria petrolifera, sfruttando i suoi giacimenti scoperti nel 1959. Produce annualmente circa 100 milioni di tonnellate di petrolio. Dal 2009 è sede di un Gran Premio di Formula 1 su un tracciato ricavato sull'isola di Yas.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

L'Abu Dhabi International Airport e il Al Ain International Airport servono l'emirato. I taxi sono il mezzo principale di trasporto in città, anche se gli autobus pubblici sono comunque disponibili, ma per lo più utilizzati dalla popolazione a basso reddito. Ci sono linee di autobus dalla capitale alle città vicine, come Baniyas, Habashan e la "città-giardino" di Al Ain. Nel 2005 fu inaugurato una nuova tratta di autobus che collega direttamente Abu Dhabi alla città commerciale di Dubai, su un percorso lungo circa 160 km.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]