Abrota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Abrota (in greco antico Αβρώτη) è un personaggio della mitologia greca, figlia di Onchesto di Beozia, sorella di Megareo e moglie di Niso, re di Megara.

Alla morte della sposa, il marito Niso ordinò che, per perpetuare la memoria della sua prudenza e della sua virtù, le Megaresi avrebbero dovuto indossare per sempre in avvenire un vestito simile a quello che soleva indossare la moglie. Tale indumento fu chiamato afabroma (αφάβρωμα) ed era ancora in uso al tempo di Plutarco[1][2] Sempre Plutarco racconta che le Megaresi vollero più volte cambiare questo modo di vestire, ma fu loro vietato dall'oracolo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Plutarco, Quaestiones graecae.
  2. ^ (EN) William Smith (a cura di), Abrota in Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, 1870..
mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca