Abito completo da uomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abito completo da uomo composto da tre pezzi
Abito sartoriale: prima prova di giacca imbastita (Italia)

Un abito completo da uomo, comunemente chiamato semplicemente completo o abito, è un indumento maschile di origine britannica. L'abito può essere composto da due pezzi (una giacca e un pantalone) oppure da tre pezzi (una giacca, un pantalone e un gilet o un panciotto) sempre nello stesso tessuto.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Indumento molto in voga nella cultura di massa fino agli anni cinquanta, oggi, con l'avvento del pret-a-porter e dell'abbigliamento casual è poco utilizzato nel tempo libero, pur rimanendo un importante riferimento nei canoni dell'abbigliamento formale. Il completo è ritenuto un capo da lavoro, spesso associato ai lavoratori del settore terziario e in particolare a quelli operanti nel mondo della finanza, i cosiddetti "colletti bianchi", in opposizione alle "tute blu", i lavoratori d'industria e i manovali.

Terminologia sartoriale[modifica | modifica sorgente]

La giacca è l'elemento principale e più caratteristico di un completo maschile. Oltre al tessuto di base visibile esternamente, solitamente di lana, la giacca comprende una fodera, visibile sul lato interno della giacca, ed una interfodera, non visibile e situata tra il tessuto e la fodera.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda