Abeomelomys sevia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Abeomelomys sevia
Immagine di Abeomelomys sevia mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Abeomelomys
Menzies, 1990
Specie A.sevia
Nomenclatura binomiale
Abeomelomys sevia
Tate & Archbold, 1935
Sinonimi

Pogonomelomys tatei

Areale

Distribuzione di Abeomelomys sevia.tif

Abeomelomys sevia (Tate & Archbold, 1935) è l'unica specie del genere Abeomelomys (Menzies, 1990), endemica della Nuova Guinea.[1][2]

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine generico deriva dalla combinazione del verbo latino Abeo- il cui significato è allontanarsi, e del genere Melomys, con chiara allusione alle divergenze tra le due forme. Il termine specifico invece deriva dalla località di Sevia, nella Penisola di Huon, Papua Nuova Guinea, dove nel 1929 fu catturato l'olotipo dalla Whitney South Sea Expedition.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Roditore di piccole dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 114 e 138 mm, la lunghezza della coda tra 140 e 191 mm, la lunghezza del piede tra 24 e 26 mm, la lunghezza delle orecchie tra 17 e 19 mm e un peso fino a 52 g.[3]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica sorgente]

Il cranio presenta una scatola cranica ampia e un rostro accorciato. Il palato è stretto. La bolla timpanica è piccola.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 0 0 1 1 0 0 3
3 0 0 1 1 0 0 3
Totale: 16
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è lunga e liscia. Il colore del corpo è bruno-rossiccio, più chiaro sui fianchi e sulla groppa, il muso è leggermente cosparso di peli grigiastri, mentre le parti ventrali sono bianco-grigiastre. Il dorso delle zampe è biancastro. Le vibrisse sono lunghe circa 47 mm. La coda è più lunga della testa e del corpo, è uniformemente marrone scura e le scaglie, disposte come nelle specie del genere Melomys similmente alle tessere di un mosaico, sono corredate da tre peli ciascuna. Le femmine hanno due paia di mammelle inguinali.


Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

È una specie terricola.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Le femmine danno alla luce un piccolo alla volta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è endemica della parte centrale ed orientale della Cordigliera centrale della Nuova Guinea e della Penisola di Huon.

Vive nelle foreste muschiose montane e nelle zone alpine sopra la linea dei boschi tra i 1.400 e 3.100 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, nonostante l'areale ristretto e considerato l'habitat privo di minacce e la popolazione numerosa, classifica A.sevia come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Leary, T., Wright, D., Hamilton, S., Singadan, R., Menzies, J., Bonaccorso, F., Helgen, K., Seri, L., Allison, A. & Aplin, K. 2008, Abeomelomys sevia in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Abeomelomys sevia in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Novak, 1999, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi