Abemama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abemama
Abemama Kiribati.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico
Coordinate 0°23′15.13″N 173°46′42.41″E / 0.387536°N 173.778447°E0.387536; 173.778447Coordinate: 0°23′15.13″N 173°46′42.41″E / 0.387536°N 173.778447°E0.387536; 173.778447
Arcipelago Isole Gilbert
Superficie 16 km²
Geografia politica
Stato Kiribati Kiribati
Centro principale Kariatebike
Demografia
Abitanti 3608
Densità 225 ab./km²
Cartografia
GilbertIslandsPos.png
Mappa di localizzazione: Kiribati
Abemama
LocationKiribati.png

[senza fonte]

voci di isole delle Kiribati presenti su Wikipedia

Abemama (conosciuta anche con i seguenti nomi: Abamama, Apamama, Dundas, Hopper Island, Isola di Roger Simpson o Simpson Island) è un atollo nella parte centrale delle isole Gilbert che fanno parte della Repubblica di Kiribati. L’atollo si trova 152 chilometri a sud-est di Tarawa, appena a nord della Equatore.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha una superficie di 16 km² e una popolazione di 3.608 abitanti. Gli isolotti circondano una profonda laguna.

Il villaggio di Kariatebike comprende gli edifici amministrativi, la stazione di polizia e l’ospedale. È presente una pista d’atterraggio vicino al villaggio di Tabiang.

Le isole orientali dell’isola sono collegate tra loro da una strada che consente gli spostamenti tramite vetture.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1889 fu la casa di Robert Louis Stevenson.

Durante la Seconda guerra mondiale fu occupata dai giapponesi il 10 dicembre 1941.
Difesa da una guarnigione di solo 24 giapponesi, l'isola fu riconquistata da un battaglione di 78 marines sbarcati dal il sommergibile americano USS Nautilus il 21 novembre 1943[1].
La presa dell'isola fu completata il 25 novembre 1943 quando gli americani appresero che l'intera guarnigione giapponese si era suicidata[2].

L’isola di Abemama era precedentemente nota con il nome di Isola di Roger Simpson.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ p.30 Rottman, Gordon L. US Special Warfare Units in the pacific Theatre 1941-1945 Ospery Publishing 2005
  2. ^ Alberto Santoni, Storia generale della guerra in Asia e nel Pacifico, La libreria del Lungarno, Pisa 1994, Vol 2 Pag 252
  3. ^ Canby. Historic Places. p. 2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]