Abele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nome, vedi Abele (nome).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Caino uccide Abele, da un manoscritto del XV secolo.

Abele nella Bibbia (Antico Testamento) è il secondo figlio di Adamo ed Eva. Abele fu ucciso dal fratello Caino (cfr. Genesi 4,2-8).

Rappresentazione scultorea di Caino e Abele posta nel Duomo di Milano

Nel Libro della Genesi[modifica | modifica sorgente]

Caino coltiva la terra ed Abele pascola il gregge. Caino offre a Dio (chiamato dalla Bibbia Yahweh) i frutti delle sue coltivazioni ed Abele un agnello del suo gregge; Dio gradisce l'offerta di Abele e non quella di Caino. Il motivo di questa preferenza non è spiegato nella Bibbia. Geloso del fratello, Caino lo invita ad uscire in campagna e là lo uccide.

Secondo la Genesi 5,3, siccome Set, il terzogenito di Adamo, è nato sicuramente dopo la morte di Abele quando Adamo aveva 130 anni, Abele poteva avere circa 100 anni quando è stato ucciso.

Nel Nuovo Testamento[modifica | modifica sorgente]

Gesù parla di Abele come del primo martire (cfr. Matteo 23,35) e tale era considerato dai primi autori cristiani.

Ebraismo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Caino, Reincarnazione, Shekhinah e Zaddiq.
  • Abele aveva offerto la parte migliore del proprio bestiame non precedentemente aggiogato e neanche tosato; per questo scese un fuoco celeste a consumarne l'offerta per Dio.
  • Quando videro il corpo senza vita di Abele, ucciso da Caino, Adamo non seppe che/come dovevano seppellirlo: Dio inviò due corvi presso Adamo e, morto uno dei due, l'altro disse che avrebbe fatto conoscere ad Adamo come fare infatti prese il corpo del corvo morto e lo seppellì così anche Adamo fece altrettanto con il corpo morto di Abele.
  • Secondo un Midrash, se Caino non avesse ucciso Abele, quattro "Famiglie" sarebbero "subito" sorte da quest'ultimo (Tankhumah Bereshit 9).

Nel Corano[modifica | modifica sorgente]

Abele è citato nel Corano come figlio di Adamo. Il suo nome non è riportato, ma egli è conosciuto dagli arabi e dai musulmani col nome هابل (Habil). Ecco un passo del Corano:

« Racconta loro, in tutta verità, la storia dei due figli di Adamo , quando offrirono ad Allah un sacrificio, ed ecco che l'offerta di uno fu accettata e quella dell'altro no. Questi disse: «Ti ucciderò certamente!».

Rispose il fratello:« Allah accetta solo da parte di coloro che Lo temono. Se alzerai la mano contro di me per uccidermi, io non l'alzerò su di te: io temo Allah, il Signore dei mondi. Voglio che tu ti addossi il mio peccato e il tuo, e allora sarai tra i compagni del Fuoco. Questa è la ricompensa per gli ingiusti ». La sua passione lo spinse ad uccidere il fratello. Lo uccise e divenne uno di coloro che si sono perduti. Poi Allah gli inviò un corvo che si mise a scavare la terra per mostrargli come nascondere il cadavere di suo fratello . Disse: « Guai a me! Sono incapace di essere come questo corvo, sì da nascondere la spoglia di mio fratello?». E così fu uno di quelli afflitti dai rimorsi. »

(Corano, Sura 5,27-31)

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Albrecht Durer e William Blake sono fra gli artisti che hanno raffigurato la morte di Abele.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]