Abdul Ali Mazari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Abdul Ali Mazari[1] (19481995) è stato un politico afghano.

Leader politico del Hezbe Wahdat durante e successivamente l'invasione sovietica dell'Afghanistan,[2] Mazari era di etnia Hazara.

Credeva che la soluzione alle divisioni in Afghanistan fosse in un sistema politico federalista, forma grazie alla quale a suo parere ciascun gruppo etnico avrebbe avuto specifici diritti costituzionali.[3]

È stato ucciso dai talebani nel 1995.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ in lingua haragi: عبدلعلی مزاری
  2. ^ Afghanistan rocked by northern bombing, Asia Times Online. URL consultato il 28 maggio 2008.
  3. ^ Mazari, Abdul Ali (1995 (1374 AH)) Iḥyā-yi huvyyat: majmū‘ah-’i sukhanrānīha-yi shahīd-i mazlūm ... Ustād ‘Abd ‘Ali Mazāri (rah) (Resurrecting Identity: The collected speeches of Abdul Ali Mazari) Cultural Centre of Writers of Afghanistan, Sirāj, Qum, Iran, OCLC 37243327

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 78684899 LCCN: nr97023889