Abbazia di Rievaulx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbazia di Rievaulx
(Rievaulx Abbey)
Abbazia di Rievaulx
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Località Rievaulx
Religione Cristianesimo
Consacrazione 1132
Inizio costruzione 1131/1132
Completamento fine XII secolo- prima metà del XIII secolo
Le rovine dell'Abbazia di Rievaulx
Gli archi dell'abbazia
Particolare degli archi dell'abbazia
Scultura all'interno dell'abbazia

L'Abbazia di Rievaulx (in inglese: Rievaulx Abbey) è un'abbazia cistercense in rovina del villaggio inglese di Rievaulx, nei pressi di Helmsley, nel North Yorkshire (Inghilterra nord-orientale), costruita tra il 1131[1]/1132[2][3][4][5][6] e la fine del XII secolo[2] e successivamente ampliata.
Si tratta del più antico monastero cistercense dell'Inghilterra[3][5] e dell'Europa settentrionale[4].

Il complesso è attualmente gestito dell'English Heritage Trail.[7]

Ubicazione[modifica | modifica sorgente]

L'abbazia si trova nella valle del fiume Rye[8] e a poco più di 2 miglia da Helmsley[4].
Le sue rovine si stagliano alle pendici del parco Rievaulx Terrace & Temples.[1][8]

Immagine aerea dell'Abbazia di Rievaulx

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il complesso si trova in un'area di circa 15 acri[7] , in una zona circondata da ripidi pendii[2]
Per via di tali caratteristiche morfologiche del terreno e per la limitata estensione dello stesso, il complesso è orientato da nord a sud, anziché - come da convenzione - da est ad ovest.[4][9]

L'edificio meglio conservato del complesso è la chiesa, eretta tra il 1135 e il 1145[4] e rimodernata tra il 1225 e il 1240.[1]

Tuttora visibili sono anche i resti della cappella, della cucina e dell'infermeria.[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'abbazia fu fondata nel 1131 o nel 1132 dall'ordine francese cistercense di Clairvaux[2][4][5][7] come "avamposto" settentrionale dell'ordine stesso[1].
Fu San Bernardo di Clairvaux ad inviare nella zona dodici monaci con lo scopo di fondare l'abbazia.[4]

La prima chiesa del complesso fu realizzata tra il 1135 e il 1145[4][7], prendendo probabilmente a modello proprio la chiesa dell'Abbazia di Clairvaux[4][6][7]. Aveva inizialmente una forma a croce.[6]
Il primo abate fu San William I.[5]

Le parti principali del complesso furono completate poco prima del 1200[2] sotto la guida di Aelredo di Rievaulx[6].

Sotto Aelredo, l'abbazia conobbe il suo periodo di massimo splendore[6]: in quell'epoca, il complesso ospitava 140/150 monaci e 500 fratelli laici[3][4][7].
Tutti gli ospiti dell'abbazia erano dediti ad una rigida vita di preghiera e digiuno.[3] A partire dalla seconda metà del XIII secolo[10] possedette un grande magazzino per la lana a Laskill.[11]

Conobbe un periodo di declino nel XIII secolo a causa delle epidemie di bestiame che si verificarono in zona[5] e nel XIV secolo a causa dei saccheggi operati dai vicini scozzesi[5] .

Il complesso fu chiuso in seno all'opera di abolizione dei monasteri imposta nel 1539 da Enrico VIII d'Inghilterra[3][5] e cadde ben presto in rovina[1]. Subì anche gravi danni perché molte delle pietre di cui era costituito furono usate per costruire gli edifici della zona.[1]

Punti d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Chiesa[modifica | modifica sorgente]

La chiesa dell'abbazia è stata costruita nello stile gotico ornato[1] e presenta tre navate[1].

Refettorio[modifica | modifica sorgente]

Altra parte del complesso ben conservata è il refettorio, che misura circa 37 metri in lunghezza e circa 15 metri in altezza.[4][7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h A.A.V.V., Gran Bretagna, Touring Club Italiano, Milano, 2003
  2. ^ a b c d e f A.A.V.V., Gran Bretagna, Dorling Kindersley, London - Mondadori, Milano, 1996 e segg.
  3. ^ a b c d e A.A.V.V., Key Guide - Gran Bretagna, Touring Club Italiano, 2007, p. 177
  4. ^ a b c d e f g h i j k Sacred Destinations: Rievaulx Abbey
  5. ^ a b c d e f g Cathopedia: Abbazia di Rievaulx
  6. ^ a b c d e Mondes Normands: L'abbazia di Rievaulx
  7. ^ a b c d e f g The Heritage Trail: English Abbeys > Rievaulx Abbey
  8. ^ a b A.A.V.V., Inghilterra, Lonely Planet, Victoria - EDT, Torino, 2007, p. 695
  9. ^ Somerville, Christopher, Le Guide Traveler di National Geographic - Gran Bretagna, National Geographic Society, 1999-2001 - White Star, Vercelli, 2004, p. 277
  10. ^ Adrian Robert Bell et al, The English Wool Market, C. 1230-1327, Cambridge, Cambridge University Press, 2007.
  11. ^ J. Patrick Greene, Medieval Monasteries, London, Continuum, 1992.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 54°15′27″N 1°07′00″W / 54.2575°N 1.116667°W54.2575; -1.116667