Abbazia di Notre-Dame de Tamié

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'abbazia di Notre-Dame de Tamié sorge a Plancherine, in Savoia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'abbazia venne fondata il 16 febbraio 1132[1] da una comunità di monaci cistercensi dell'abbazia di Bonnevaux, presso Vienne, guidata da Pietro, futuro vescovo di Tarantasia.[2]

L'edificio venne eretto in un sito concesso ai monaci dal conte Amedeo III di Savoia.[1]

Nel 1677, sotto il governo dell'abate Jean-Antoine de la Forest de Somont, venne riformata sul modello dell'abbazia di Notre-Dame de la Trappe e passò alla congregazione cistercense della stretta osservanza (trappisti).[3]

Soppressa nel 1793, dopo l'invasione francese del regno di Sardegna,[4] venne restaurata nel 1861 a opera dei monaci trappisti dell'abbazia di Notre-Dame de la Grâce-Dieu.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Martin (1982), p. 6.
  2. ^ Martin (1982), pp. 7-8.
  3. ^ Martin (1982), p. 40.
  4. ^ Martin (1982), p. 109.
  5. ^ Martin (1982), p. 126.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bruno-Jean Martin, Histoire des moines de Tamié, Le Hénaff éditeur, Saint-Étienne 1982. ISBN 2-86502-027-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]