Abbazia di Neresheim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbazia Imperiale di Neresheim
Abbazia Imperiale di Neresheim - Stemma
Dati amministrativi
Nome ufficiale Abtei Neresheim
Lingue parlate tedesco
Capitale Neresheim
Dipendente da Sacro Romano Impero
Politica
Forma di governo teocrazia
Nascita 1062
Causa Fondazione del monastero
Fine 1803
Causa mediatizzazione del Sacro Romano Impero
Territorio e popolazione
Economia
Valuta tallero di Neresheim
Commerci con Sacro Romano Impero
Religione e società
Religioni preminenti cattolicesimo
Religione di Stato cattolicesimo
Classi sociali clero, patrizi, popolo
Evoluzione storica
Preceduto da Naval Ensign of the Kingdom of France.svg ?
Succeduto da Flagge Königreich Württemberg.svg Regno di Württemberg

L' Abbazia di Neresheim o Abbazia dei Santi Ulrico e Afra (in tedesco Abtei Neresheim o Abtei der heiligen Ulrich und Afra) è un'abbazia fondata presso il villaggio di Neresheim nel Baden-Württemberg. Attualmente il monastero accoglie una comunità benedettina come parte di quella beuronese.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'Abbazia di Neresheim

L'abbazia di Neresheim venne fondata per la prima volta nel 1095 come un monastero edificato per i canonici agostiniani, ma passò alla comunità benedettina già dal 1106.

L'attuale chiesa abbaziale è stata eretta tra il 1747 ed il 1792 su progetto del famoso architetto Balthasar Neumann, fregiandosi di apparire anche sulle banconote da 50 marchi tra il 1998 ed il 2002.

L'abbazia terminò la propria esistenza con la mediatizzazione della Germania nel 1803 e venne ceduta al Regno del Wurttemberg che la mantenne tra i propri possedimenti. Dopo il crollo della monarchia, nel 1919 l'abbazia passò nuovamente alla comunità benedettina di Beuron, appoggiata all'Abbazia di Emau di Praga.

Qui i monaci hanno stabilito una fervente attività d'insegnamento che va dalle lettere al canto che è stato in particolare promosso dal 2004 con la fondazione di una corale per giovani.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]