Abbas ibn Firnas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

ʿAbbās ibn Firnās (arabo: عباس بن فرناس‎; Cordova, 810Cordova, 888) è stato uno scienziato e inventore berbero, vissuto a Cordova durante la dominazione musulmana dell'Andalusia.[1]

Si rese famoso per le sue innumerevoli attività di studioso e inventore, applicandosi alla fisica, alla chimica e all'astronomia.

Sviluppò una formula per la fabbricazione del cristallo, nonché un sistema per la costruzione di planetari, con la simulazione della rotazione di stelle e pianeti.

Viene ricordato principalmente per il suo esperimento di volo. Con circa mille anni di anticipo sui fratelli Wright, infatti, costruì una macchina volante con la quale, all'età di 65 anni, tentò personalmente il volo lanciandosi da una torre di Cordova. L'esperimento riuscì parzialmente: ‘Abbās riuscì per qualche momento a librarsi nell'aria, ma finì per planare bruscamente a terra, procurandosi alcune ferite, probabilmente per non aver calcolato correttamente l'utilizzo della coda.

Sono stati intitolati al suo nome l'aeroporto di Baghdad e un cratere lunare.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ - « Ibn Firnas ('Abbâs) » per Ahmed Djebbar, Dictionnaire culturel des science, by Collective under the direction of Nicolas Witkowski, Du Regard Editions, 2003, ISBN 2-84105-128-5.