A Day to Remember

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A Day to Remember
La band in concerto nel 2010
La band in concerto nel 2010
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock[1][2]
Post-hardcore[1][3]
Metalcore[1][4]
Pop punk[1][4]
Periodo di attività 2003 – in attività
Etichetta Indianola Records
(2005)
Victory Records
(2006-presente)
Album pubblicati 5
Studio 5
Sito web
A Day to Remember logo.png

Gli A Day to Remember sono un gruppo musicale metalcore/pop punk[1][4] statunitense formatosi nel 2003 a Ocala, Florida.

Il gruppo viene formato dall'idea del cantante Jeremy McKinnon e il chitarrista Tom Denney. Dopo aver firmato con l'Indianola Records la band pubblica il suo primo album, And Their Name Was Treason, nel 2005. Successivamente firma con la Victory Records, con cui vengono pubblicati il secondo album For Those Who Have Heart, la ristampa del loro album di debutto Old Record, Homesick e What Separates Me from You, che vende oltre 300.000 copie solo negli Stati Uniti e si rivela il loro album di maggior successo. Nel 2012 viene aperta una battaglia legale con la Victory Records, che perdura attualmente. Common Courtesy, il loro quinto album di inediti, viene pubblicato verso la fine del 2013 indipendentemente.

Dal 2006 la band è composta da McKinnon, dai chitarristi Neil Westfall e Kevin Skaff, dal bassista Joshua Woodard e dal batterista Alex Shelnutt.

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

And Their Name Was Treason (2003-2005)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi And Their Name Was Treason.

È il 2003 quando a Ocala, in Florida, il chitarrista dei Two Days Too Late Tom Denney propone al cantante degli All for Nothing Jeremy McKinnon di formare una nuova band insieme[5]. A loro si unisce il batterista Bobby Scruggs, con cui iniziano a suonare anche durante alcuni spettacoli locali. Il gruppo inizialmente viene chiamato "End of an Era", ma sotto consiglio della fidanzata di un amico di Scruggs il nome viene presto cambiato in A Day to Remember[5]. Al trio si aggiungono poi il chitarrista Neil Westfall e il bassista Josh Woodard, così che la band possa iniziare a suonare in tour "fai da te", durante i quali vengono anche distribuite le copie del loro primo EP autoprodotto, contenente cinque tracce[6]. Successivamente Scruggs viene cacciato dalla band per alcune divergenze durante i concerti, e viene reclutato al suo posto Brandon Roberts. Questi però non si rivela all'altezza delle aspettative degli altri membri della band, e viene richiamato a far parte della formazione Bobby Scruggs[7].

Nel gennaio 2005 pubblicano un secondo EP, indipendente e omonimo, contenente tre brani che verranno successivamente riregistrati e inseriti nel loro primo album[8][9]. I molti live e la notevole carica trasmessa durante le esibizioni dal vivo vale loro l'attenzione dell'etichetta indipendente Indianola, con la quale firmano sempre all'inizio del 2005[10]. Nell'estate dello stesso anno pubblicano il loro album di debutto And Their Name Was Treason, registrato a Ocala e prodotto da Andrew Wade. Nonostante la scarsa promozione, l'album vende oltre 8.000 copie negli Stati Uniti in meno di un anno[1][11].

Il cantante Jeremy McKinnon durante un concerto nel 2007

For Those Who Have Heart (2006-2008)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi For Those Who Have Heart.

La band viene quindi notata dalla Victory Records, con cui firma un contratto nel 2006[1]. Nello stesso periodo il batterista Bobby Scruggs lascia definitivamente gli A Day to Remember, venendo sostituito dal giovane Alex Shelnutt[5]. Il loro primo album per la Victory, For Those Who Have Heart, pubblicato nel gennaio 2007[1], è il disco che consacra la loro fama a livello mondiale[11]. Nel gennaio 2008 la band suona per la prima volta fuori dagli Stati Uniti, tenendo un breve tour nel Regno Unito[11].

Il 19 febbraio viene pubblicata un'edizione speciale di For Those Who Have Heart, comprendente il DVD di un recente concerto della band ad Ocala e 4 tracce bonus, tra le quali la cover di Since U Been Gone di Kelly Clarkson, pubblicata come singolo nell'agosto successivo e accompagnata da un video molto simile a quello del brano originale[12].

Il 28 ottobre 2008 viene pubblicato dalla Victory Records l'album Old Record, una ristampa del loro album di debutto And Their Name Was Treason[13]. Nello stesso periodo vengono nominati ai Kerrang! Awards come miglior gruppo internazionale esordiente[14].

Homesick (2009)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Homesick (A Day to Remember).

Il 3 febbraio 2009 viene pubblicato Homesick, terzo album di inediti, che arriva alla ventunesima posizione della Billboard 200[15]. Il bassista Joshua Woodard parlò dell'album, a suo parere il più pesante e orecchiabile che abbiano mai scritto, come un salto a un livello successivo, rappresentando tutto quello che il gruppo ha passato negli anni precedenti[11]. Dall'album vengono estratti i singoli NJ Legion Iced Tea, The Downfall of Us All, I'm Made of Wax, Larry, What Are You Made Of? e Have Faith in Me, il cui video viene nominato ai Kerrang! Awards del 2010 nella categoria Best Video.

Come il precedente, anche quest'album viene ripubblicato in una versione "deluxe", con l'aggiunta di due tracce bonus, e successivamente anche in un'edizione speciale con un DVD contenente un concerto della band in Svizzera[16].

Il 4 giugno 2009 viene annunciato che Tom Denney, chitarrista solista e seconda voce del gruppo, lascia gli A Day to Remember per focalizzare la sua vita sul suo recente matrimonio e per motivi di salute che gli impediscono una presenza costante durante i lunghi tour del gruppo. Viene scelto come suo sostituto Kevin Skaff, che ha già suonato in alcune date in Europa con la band proprio in sostituzione di Denney, assente per via di un polso rotto. Nella stessa occasione Denney annuncia che lascia il gruppo come chitarrista ma non come scrittore e produttore, in quanto continuerà a lavorare con la band anche negli album successivi[17].

Nel dicembre 2009 la band pubblica il brano inedito Right Where You Want Me to Be come regalo di Natale ai fan, accompagnato da un video musicale diretto da Drew Russ[18].

What Separates Me from You (2010-2012)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi What Separates Me from You.

Il 15 novembre 2010 esce il loro quarto album in studio, intitolato What Separates Me from You, che riscuote un ottimo successo vendendo in meno di un mese oltre 80.000 copie solo negli Stati Uniti[19], anche grazie ai singoli All I Want, It's Complicated e All Signs Point to Lauderdale, che raggiungono tutti buone posizioni nelle classifiche alternative e rock statunitensi[15]. Il video di All I Want, inoltre, ha ricevuto una nomination nella categoria Best Video ai Kerrang! Awards del 2011.

Il 15 dicembre 2011 viene annunciato che gli A Day to Remember hanno in piano di rompere il contratto che li lega alla Victory Records, dichiarando che l'etichetta deve loro oltre 75.000 dollari per i diritti d'autore[20]. Per tutta risposta, la Victory dichiara che in realtà la band non vorrebbe rispettare il contratto (che prevede l'uscita di almeno 5 album) e che vorrebbe spostarsi a un'etichetta maggiore, ma che tuttavia è sicura che le cose si risolveranno nel migliore dei modi per entrambe le parti[21]. Successivamente gli A Day to Remember consegnano il seguente messaggio alla rivista Alternative Press:[22]

« Gli A Day to Remember vogliono mettere in chiaro che non hanno segnalato né cercato alcuna attenzione riguardo la loro attuale battaglia legale con la Victory Records. Queste informazioni sono state rese pubbliche sin da maggio 2011 e i membri della band non hanno intenzione di parlare pubblicamente o in modo dispregiativo riguardo la loro discordanza con la Victory. Gli A Day to Remember continueranno a pubblicare musica per i loro fan e si sta organizzando per i tour che si terranno nel 2012. »

Il 27 febbraio 2012 viene pubblicato un video ufficiale per 2nd Sucks, diretto dal collaboratore di vecchia data della band Drew Ross[23]. Alla fine dell'anno gli A Day to Remember vengono inoltre nominati come gruppo di maggior successo nel 2011 in un sondaggio di MTV[24].

Common Courtesy (2013-presente)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Common Courtesy.
Jeremy McKinnon e Joshua Woodward a Richmond nel 2014

L'8 maggio 2012 la band annuncia che il quinto album in studio si intitolerà Common Courtesy[25]. Il 21 dicembre dello stesso anno pubblicano sul loro sito ufficiale il brano Violence (Enough Is Enough), che farà parte del nuovo album[26][27]. Il 21 gennaio 2013 vengono annunciate le date per il loro Right Back at It Again Tour, che li vedrà impegnati per tutta la primavera nei principali centri degli Stati Uniti[28] e, dal 5 giugno, anche in Europa e in Australia[29][30]. Ad accompagnarli figurano gruppi come Of Mice & Men, Chunk! No, Captain Chunk! e Pierce the Veil[28].

Il 19 marzo Jeremy McKinnon annuncia tramite Twitter che le registrazioni per Common Courtesy sono concluse, e che a breve avrà inizio la fase di mixaggio dell'album[31].

Il 23 agosto viene pubblicato il primo di una serie di cinque video a sfondo umoristo/demenziale dedicata al nuovo album chiamata Common Courtesy - The Series, alla cui fine viene annunciato che la data di pubblicazione per il nuovo album è stata fissata per l'8 ottobre 2013. La notizia viene successivamente confermata da McKinnon stesso[32].

Il 5 ottobre viene annunciato che gli A Day to Remember hanno avuto il permesso, da parte del giudice che si occupa della causa legale con la Victory Records, di pubblicare il loro album indipendentemente, ma che saranno costretti a pubblicare almeno altri due album per l'etichetta[33][34].

L'8 ottobre 2013 Common Courtesy viene reso disponibile per l'acquisto in formato digitale esclusivamente sul sito ufficiale degli A Day to Remember. Ad anticipare la sua uscita viene pubblicato il primo singolo Right Back at It Again, in onda sulle radio statunitensi a partire dal giorno prima. Successivamente viene annunciata anche una versione completa dell'album sia fisica che digitale contenente altri tre brani inediti, che viene pubblicata il 25 novembre dello stesso anno[35]. Dopo la sua pubblicazione ufficiale l'album riscuote presto un discreto successo internazionale, entrando per la prima volta anche nelle classifiche di paesi europei come Austria, Belgio e Germania[36]. A dicembre il disco ha venduto oltre 92.000 copie[37], per poi raggiungere la cifra di oltre 200.000 copie vendute solo negli Stati Uniti nel maggio del 2014, pur essendo stato pubblicato senza alcuna etichetta e promozione esterna a quella della band stessa[38]. A febbraio è invece un vecchio brano del gruppo a tagliare un nuovo traguardo: If It Means a Lot to You, da Homesick, viene infatti certificato disco d'oro per gli oltre 500.000 download digitali, nonostante non sia mai stato estratto come singolo[39].

Nel maggio 2014 la band viene nominata in tre categorie (artista dell'anno, album dell'anno, miglior band dal vivo) alla prima edizione degli Alternative Press Music Awards[40].

Stile musicale[modifica | modifica sorgente]

Gli A Day to Remember sono stati etichettati dai mass media principalmente come metalcore[1][4], post-hardcore[1] e pop punk[1][19]. Allmusic ha descritto la loro musica come un mix di emo, hardcore e metal[1]. Per la varietà dei generi a cui il gruppo è stato associato, spesso viene utilizzato semplicemente il termine alternative rock per descrivere il loro stile[1][2]. Jeremy McKinnon stesso definisce la band come metà metalcore e metà pop punk[19], affermando che le diverse sfaccettature della loro musica possono portarli a essere un gruppo metal, hardcore, rock e pop allo stesso tempo[27]. In un'intervista del 2011 disse[41]:

« Penso che siamo una vera band. Siamo nati dal niente e suoniamo musica che non ha senso, abbiamo semplicemente preso tutti questi stili musicali che amavamo per vedere quanto saremo andati lontani, e ora siamo sulla cresta dell'onda. »

La loro tendenza a mescolare caratteristiche hardcore e melodie tipiche del pop hanno portato alcuni fan a definire la band come "pop mosh"[1], termine successivamente utilizzato da altri per riferirsi a band dallo stile musicale simile[41]. Il bassista Joshua Woodard disse a proposito[42]:

« Pop mosh è sicuramente una buona definizione. Ma non è così che ci consideriamo. Sono le altre persone che ci etichettano, ma a noi non importa. Queste sono le nostre influenze, è facile accorgersene ascoltando i nostri dischi. Noi cerchiamo di unire queste due estremità: melodie pop e parti da mosh. Quindi sì, "pop mosh" ci va bene. »

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Attuale[modifica | modifica sorgente]

Ex membri[modifica | modifica sorgente]

  • Tom Denney – chitarra solista, voce secondaria (2003-2009)
  • Bobby Scruggs – batteria (2003-2004, 2004-2006)
  • Brandon Roberts – batteria (2004)

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia degli A Day to Remember.

Utilizzo dei brani nei media[modifica | modifica sorgente]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Golden Gods Awards
    • 2013 − Nomination Most Dedicated Fans
  • Kerrang! Awards
    • 2014 − Nomination Best Event per il concerto all'Alexandra Palace
    • 2014 − Nomination Best Video per Right Back at It Again
    • 2012 − Nomination Best International Band
    • 2011 − Nomination Best Video per All I Want
    • 2010 − Nomination Best Video per Have Faith in Me
    • 2008 − Best International Newcomer

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n (EN) A Day to Remember in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 21 settembre 2013.
  2. ^ a b (EN) Joseph Cirillo, IT'S ALIVE! and available via ADTR.com (Common Courtesy Review) (Video), Examiner.com, 8 ottobre 2013. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  3. ^ (EN) Who to Watch Out for: 2013, Deadpress.co.uk. URL consultato il 21 settembre 2013.
  4. ^ a b c d (EN) Jason Newman, MTV PUSH Artist of the Week: A Day to Remember, MTV, 13 giugno 2011. URL consultato il 10 maggio 2012.
  5. ^ a b c (EN) Web Exclusive - The Birth of A Day to Remember, Rock Sound, 25 ottobre 2010. URL consultato il 5 marzo 2014.
  6. ^ (EN) A Day to Remember - Demo 2004, Mtscollective.com, 30 novembre 2009. URL consultato il 23 settembre 2013.
  7. ^ (EN) Graham Hartmann, A Day to Remember - 'Wikipedia: Fact or Fiction?', Loudwire.com. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  8. ^ (EN) Bio of A Day to Remember, Purevolume.com. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2005).
  9. ^ (EN) A Day to Remember EP, Purevolume.com. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2005).
  10. ^ (EN) Indianola Records signs two bands, Lambgoat.com, 9 febbraio 2005. URL consultato il 15 maggio 2014.
  11. ^ a b c d (EN) A Day to Remember Biography, Artistdirect.com. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  12. ^ (EN) A Day To Remember cover Kelly Clarkson classic ‘Since U Been Gone’, Trashhits.com, 1º agosto 2008. URL consultato il 1º giugno 2013.
  13. ^ (EN) Old Record in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 13 maggio 2012.
  14. ^ (EN) Kerrang! Awards 2008 Nominees, Smnnews.com, 28 luglio 2008. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  15. ^ a b (EN) A Day to Remember - Chart history, Billboard. URL consultato il 25 aprile 2013.
  16. ^ (EN) A Day to Remember - Homesick Deluxe Special Edition, Victoryrecords.com. URL consultato il 27 luglio 2012.
  17. ^ (EN) A Day To Remember guitarist leaves band, Killyourstereo.com, 4 giugno 2009. URL consultato il 9 settembre 2013.
  18. ^ (EN) Santa Mosh - Happy Holidays from Victory Records, Santamosh.com. URL consultato il 18 ottobre 2012.
  19. ^ a b c (EN) Walter Frazier, A Day To Remember Scores Memorable Debut on Billboard 200, Billboard, 6 dicembre 2010. URL consultato il 25 luglio 2012.
  20. ^ (EN) A Day To Remember to sue Victory Records, Killyourstereo.com, 15 dicembre 2011. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  21. ^ (EN) A Day to Remember Taking Label to Court, Rocksound.tv, 15 dicembre 2011. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  22. ^ (EN) Annie Zaleski, UPDATE: A Day To Remember’s lawsuit against Victory Records confirmed, Alternative Press, 15 dicembre 2011. URL consultato il 30 maggio 2014.
  23. ^ (EN) Liz Ramanand, A Day to Remember Unveil '2nd Sucks' Video, Loudwire.com, 28 febbraio 2012. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  24. ^ (EN) Tamar Anitai, Vote For Your Favorite Breakthrough Band Of 2011!, Buzzworthy.mtv.com, 12 dicembre 2011. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  25. ^ (EN) Jake Denning, A Day To Remember to Release Common Courtesy, Absolutepunk.net, 9 maggio 20123. URL consultato il 25 luglio 2012.
  26. ^ (EN) Jon Ableson, A Day To Remember Release New Song "Violence [Enough Is Enough]", Alterthepress.com, 21 dicembre 2012. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  27. ^ a b (EN) Sammi Chichester, Interview: A Day To Remember Frontman Jeremy McKinnon on New Song “Violence (Enough Is Enough)” and Their Next Album, Revolvermag.com, 20 dicembre 2012. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  28. ^ a b (EN) Cassie Whitt, A Day To Remember announce headlining tour with Of Mice & Men, Chunk! No, Captain Chunk! and Issues, Alternative Press, 21 gennaio 2013. URL consultato il 5 marzo 2013.
  29. ^ (EN) TJ Horansky, A Day To Remember announce more UK/European tour dates, Alternative Press, 15 luglio 2013. URL consultato il 21 luglio 2013.
  30. ^ (EN) A Day To Remember announce massive 2013 Australian tour, Abc.net.au, 17 maggio 2013. URL consultato il 21 luglio 2013.
  31. ^ (EN) Jeremy McKinnon, Common Courtesy is officially tracked!, Twitter, 19 marzo 2013. URL consultato il 29 marzo 2013.
  32. ^ (EN) Jon Ableson, A Day To Remember Confirm New Album 'Common Courtesy' Release Date, Alterthepress.com, 24 agosto 2013. URL consultato il 25 agosto 2013.
  33. ^ (EN) Zach Shaw, Judge Allowing A Day To Remember To Self-Release New Album, But May Still Owe Victory Records, Metalinsider.net, 7 ottobre 2014. URL consultato il 30 maggio 2014.
  34. ^ (EN) Drew Beringer, Updated: Judge Rules A Day To Remember Can Self..., Absolutepunk.net, 4 ottobre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  35. ^ (EN) TJ Horansky, A Day To Remember announce pre-orders for full 16-track version of ‘Common Courtesy’, 16 ottobre 2013. URL consultato il 17 ottobre 2013.
  36. ^ (EN) A Day To Remember - Common Courtesy, aCharts.us. URL consultato l'11 dicembre 2013.
  37. ^ (EN) A Day To Remember sells 92K albums without label, Lambgoat.com, 4 dicembre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013.
  38. ^ (EN) A Day To Remember Have Sold ~200K Copies Of ‘Common Courtesy’, Propertyofzack.com, 7 maggio 2014. URL consultato il 23 giugno 2014.
  39. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 30 maggio 2014.
  40. ^ (EN) Your Award Show. Your Vote. Your Night., Altpress.com. URL consultato il 4 maggio 2014.
  41. ^ a b (EN) Wade Tatangelo, Warped Tour's A Day to Remember likes 'pop mosh' label, Go.standard.net, 4 agosto 2011. URL consultato il 23 settembre 2013.
  42. ^ (EN) Introducing: A Day To Remember, Metalhammer.co.uk, 23 novembre 2009. URL consultato il 23 settembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]