AO-63

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simonov AO-63
Tipo Fucile d'assalto
Origine URSS URSS
Impiego
Utilizzatori Spetsnaz
Produzione
Progettista Sergei Gavrilovich Simonov
Data progettazione 1986
Costruttore TsNIITochMash
Date di produzione 1986
Descrizione
Lunghezza 890 mm
Calibro 5,45 mm
Munizioni 5,45 × 39 mm
Numero canne 2
Cadenza di tiro 850/6000 colpi/min
Alimentazione caricatore rimovibile da 100 colpi
Organi di mira metalliche aperte

Military Factory.com

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Il Simonov AO-63 è un fucile d'assalto sperimentale realizzato nel 1986.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il fucile venne realizzato da Sergei Gavrilovich Simonov, il quale si proponeva la creazione di una nuova arma che sostituisse l'AK-74 in dotazione all'armata rossa in conformità con il Progetto Abakan. Venne progettato e costruito presso il TsNIITochMash. Alla morte di Simonov, l'arma venne portata a termine da Peter Tkachev.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'AO-63 presentava una doppia canna sovrapposta ed impiegava munizioni del calibro 5,45 × 39 mm. Il caricatore impiegato era a tamburo e poteva ospitare cento colpi, ma in caso di necessità potevano essere inseriti anche i caricatori standard impiegati dagli Ak-74. Il roteo di fuoco venne stimato tra gli 850 e i 6000 colpi al minuto.

Impiego[modifica | modifica wikitesto]

Il prototipo dell'arma venne valutato per un breve periodo da una sezione degli Spetsnaz, ma alla fine dei test venne preferito il progetto che avrebbe dato vita all'AN-94.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AO-63. URL consultato il 19 febbraio 2014.
armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi