AD Scout

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AD Scout
L'AD Scout No. 1536, uno dei due esemplari realizzato dalla Blackburn, fotografato all'aeroporto di Chingford dopo la consegna alla Royal Naval Air Service[1]
L'AD Scout No. 1536, uno dei due esemplari realizzato dalla Blackburn, fotografato all'aeroporto di Chingford dopo la consegna alla Royal Naval Air Service[1]
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Progettista Harris Booth
Costruttore Regno Unito Hewlett & Blondeau
Regno Unito Blackburn Aircraft
Data primo volo 1915
Utilizzatore principale Regno Unito RNAS
Esemplari 4
Dimensioni e pesi
Lunghezza 6,93 m (22 ft 9 in)
Apertura alare 10,18 m (33 ft 5 in)
Altezza 3,12 m (10 ft 3 in)
Propulsione
Motore un rotativo Gnôme Monosoupape[2]
Potenza 100 hp (75 kW)
Prestazioni
Velocità max 135 km/h (84 mph, 73 kt) [3]
Autonomia 338 km (210 mi, 182,5 nm)[senza fonte]
Armamento
Mitragliatrici una Lewis calibro .303 in

i dati sono estratti da The British Fighter since 1912[4]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'AD Scout, conosciuto anche con la designazione non ufficiale Sparrow, fu un aereo da caccia monomotore biplano progettato da Harris Booth e realizzato in soli quattro esemplari dalle aziende britanniche Hewlett & Blondeau e Blackburn Aircraft negli anni dieci del XX Secolo.

Destinato a difendere lo spazio aereo britannico dagli attacchi dei dirigibili Zeppelin della Luftstreitkräfte durante la prima guerra mondiale, a causa delle sue modeste prestazioni rimase al livello di prototipo.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni della Grande Guerra, l'Air Department of the British Admiralty emise una specifica per la fornitura di un velivolo in grado di poter contrastare gli attacchi dei dirigibili tedesco imperiali. Alla richiesta rispose il progettista Harris Booth che propose all'Ammiragliato un velivolo tradizionale nella costruzione ma non convenzionale nell'impostazione, l'AD Scout.

Booth ideò un biplano con la fusoliera montata sull'ala superiore, con un doppio timone assicurato al resto del velivolo da quattro bracci e un carrello strettissimo posto sotto l'ala inferiore. L'armamento originale prevedeva l'installazione di un cannone Davis, che fu però scartato a favore di una Lewis calibro .303 in a causa della fragilità dell'aereo.

Furono ordinati quattro prototipi nel 1915 e furono costruiti due da Hewlett & Blondeau e due da Blackburn Aircraft Limited.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

L'AD Scout era un monomotore biplano a configurazione spingente dall'aspetto anticonvenzionale.

La fusoliera, realizzata con struttura in legno ricoperta di pannelli in compensato e tela, era posizionata alta, tra le due semiali superiori, ed integrava l'unico abitacolo aperto destinato al pilota protetto da una struttura frangivento. Posteriormente era collocato il motore, un rotativo Gnôme Monosoupape[2], in posizione spingente abbinato ad un'elica bipala in legno a passo fisso.

La configurazione alare era biplana, con l'ala inferiore, ricavata in un unico pezzo, spostata verso la parte posteriore e collegata alla parte inferiore della fusoliera tramite un castello tubolare, collegata alla superiore, posizionata alta sulla fusoliera, tramite una coppa di montanti integrati da tiranti in filo d'acciaio. Entrambe erano realizzate con struttura in legno ricoperta in tela ed integravano gli alettoni presenti sulle ali superiore ed inferiore. Alle ali era collegato l'impennaggio tramite una doppia trave di coda, costituito da un unico piano orizzontale che collegava i due timoni.

Il carrello d'atterraggio era semplice, fisso, con ruote collegate tra loro da un assale rigido ed integrate da elementi a slitta antiribaltamento, collegato tramite una struttura tubolare all'ala inferiore.

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

I test di volo furono eseguiti dai piloti del Royal Naval Air Service e dimostrarono che il velivolo era gravemente in sovrappeso, fragile, lento e difficile da gestire, anche al suolo. Il progetto fu abbandonato e tutti e quattro i prototipi rottamati.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito Regno Unito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ National Defence and the Canadian Forces, A.D. Scout Sparrow
  2. ^ a b Bruce 1965, p. 5
  3. ^ Lewis 1979, pp. 392-393
  4. ^ Mason 1992, p. 42

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) J.M. Bruce, Warplanes of the First World War, Volume One: Fighters, MacDonald & Co., 1965.
  • (EN) Peter Lewis, The British Fighter since 1912, 4th Edition, London, Putnam, 1979, ISBN 0-370-10049-2.
  • (EN) Francis K. Mason, The British Fighter since 1912, Annapolis, Maryland, Naval Institute Press, 1992, ISBN 1-55750-082-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]