74-Z speeder bike

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
74-Z speeder bike
Speeder.jpg
Universo Guerre stellari
Profilo
Tipo motospeeder a repulsione
Fazione Repubblica Galattica, Impero Galattico, Alleanza Ribelle, Imperial Remnant
Costruttore Aratech Repulsor Company Milano.
Dati tecnici
Armamento cannone blaster leggero
Prestazioni Velocità: 500 km/h
Equipaggio 1
Carico 3 kg
Lunghezza 3 o 4,4 m

La 74-Z speeder bike, in italiano motospeeder 74-Z[1], è un veicolo presente nella saga fantascientifica di Guerre stellari.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il motospeeder 74-Z è un veicolo militare leggero, monoposto e dalla forma molto aerodinamica, concepito per compiti di ricognizione, pattuglia ed attacchi veloci. Proprio per questo ha una corazzatura molto leggera e monta potenti motori a repulsione che, oltre a renderlo particolarmente veloce ed agile, riescono a sollevarlo fino a 25 metri da terra, permettendogli di attraversare praticamente ogni tipo di terreno con facilità. Il pilota controlla la direzione e l'elevazione del veicolo tramite due manubri anteriori, mentre con due pedali inferiori regola la velocità. Lo speeder monta sensori e sistemi di comunicazione davanti ai manubri ed è equipaggiato con un cannone blaster rotante anteriore per il combattimento. Dispone anche di un propulsore molto potente in grado di fornire una breve ma intensa accelerazione.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I motospeeder 74-Z furono costruiti sulla base degli analoghi ma più vecchi BARC speeder dalla Aratech Repulsor Company e vennero usati dalle truppe della Repubblica Galattica durante la guerra contro i Separatisti. In seguito, durante tutto il periodo della Guerra Civile Galattica, la Aratech continuò la produzione principalmente per l'Impero Galattico e questi speeder furono usati soprattutto dalle truppe esploratrici imperiali; tuttavia, anche l'Alleanza Ribelle acquistava ed usava questi veicoli per le proprie truppe.

Note[modifica | modifica sorgente]

Apparizioni[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • The New Essential Guide to Vehicles and Vessels
  • The Imperial Sourcebook, Second Edition
  • Star Wars: Behind the Magic

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]