40 Acres & a Mule Filmworks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Sono stati ben pochi gli schiavi affrancati ad ottenere davvero i quaranta acri e il mulo che gli erano stati promessi... quindi il nome che ho scelto per la mia casa di produzione è il simbolo di una promessa non mantenuta »
(Spike Lee[1])
40 Acres & a Mule Filmworks
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 1984 a New York
Sede principale New York
Persone chiave Spike Lee
Settore intrattenimento
Prodotti film, programmi televisivi, musica, abbigliamento, editoria, pubblicità
Sito web www.40acres.com

La 40 Acres & a Mule Filmworks è una compagnia di produzione cinematografica, fondata dal regista afroamericano Spike Lee il 6 dicembre 1984. La sua sede è a New York.

Il nome deriva dalla promessa di risarcimento fatta agli schiavi africani nel 1865, alla fine dello schiavismo negli Stati Uniti: venivano promessi, appunto, 40 acri di terra e un mulo. La promessa però non fu mantenuta.[1]

La prima apparizione del logo della casa di produzione avvenne nel 1981, nei titoli di testa del cortometraggio Sarah, ma fu registrato solo nel 1984. Il capitale iniziale della società era di 400.000 dollari.[1]

Alla produzione cinematografica negli anni successivi si è affiancata quella musicale, editoriale e pubblicitaria. Inoltre la 40 Acres & a Mule si occupa anche di merchandising, abbigliamento e home video. Spike Lee ha aperto una catena di negozi a Boston, Atlanta e Chicago e anche in altre nazioni.

Nel 1991 la rivista inglese Sight and Sound riservò alla 40 Acres & a Mule Filmworks un articolo sulla rubrica economica The Business, evidenziandone i progressi economici e asserendo: «Spike Lee ha aperto la strada».[1]

Oltre a produrre i film di Spike Lee, la 40 Acres & a Mule ha prodotto anche opere di giovani autori afroamericani, come Ernest Dickerson, David C. Johnson e Malcolm D. Lee, cugino di Spike Lee.

Film prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Fernanda Moneta, Spike Lee, Milano, Il Castoro Cinema, 1998.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]