36 vedute del Monte Fuji (Hiroshige)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vista del monte Fuji dal punto di Satta nella Baía di Suruga (1858), Hiroshige, (xilografia)

36 vedute del Monte Fuji (Giappone:富士三十六景; Fuji Sanju-Rokkei) è il titolo di due serie ukiyo-e di xilografie policrome dell'artista giapponese Andō Hiroshige, che rappresentano il Monte Fuji in condizioni meteorologiche e stagioni diverse da posti e distanze variabili. La serie del 1852 è orizzontale, la serie del 1858 è con un orientamento verticale.[1] Lo stesso tema era stato trattato da Hokusai in due serie proprie, Trentasei vedute del Monte Fuji e Cento vedute del Monte Fuji.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Monte Fuji è un soggetto molto popolare nell'arte Giapponese per il suo significato culturale e religioso, esistono parecchie serie sullo stesso tema e la più celebre di queste è quella di Hokusai con le sue 36 vedute del monte Fuji.

Ognuna delle immagini fu creata tramite un processo nel quale un'immagine su carta veniva utilizzata come guida per l'intaglio su legno. Il blocco di legno veniva successivamente coperto di inchiostro e applicato su carta per creare l'immagine. La complessità delle immagini è dovuta anche alla grande quantità di colori impiegati, che richiedeva l'utilizzo di una serie di blocchi di legno per ognuno dei colori utilizzati nelle immagini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Hiroshige, un impressionniste japonais, Les albums du Cabinet des Estampes de la Bibliothèque nationale, Éd. Albin Michel, 1984.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]