34D/Gale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cometa
34D/Gale
Scoperta 7 giugno 1927
Scopritore Walter Frederick Gale
Designazioni
alternative
1927 L1; 1938 J1;
Parametri orbitali
(all'epoca 2429080,5
1º luglio 1938[1])
Semiasse maggiore 4,943 UA
Perielio 1,182 UA
Afelio 8,704 UA
Periodo orbitale 11,00 anni
Inclinazione orbitale 11,728°
Eccentricità 0,760
Longitudine del
nodo ascendente
67,923°
Argom. del perielio 209,157°
Ultimo perielio 18 giugno 1938 (ultimo osservato)
26 marzo[2]-17 maggio[3] 2004(previsto)
Prossimo perielio 7 giugno[2]-15 agosto[3] 2015
Dati osservativi
Magnitudine app.
8a[4] (max)
Magnitudine ass. 10,5[1]

La Cometa Gale, formalmente indicata come 34D/Gale, è una cometa periodica del Sistema solare, appartenente alla famiglia delle comete gioviane.[1] È stata scoperta dall'astronomo Walter Frederick Gale il 7 giugno 1927 da Sydney come un oggetto dell'ottava magnitudine.[5]

Storia osservativa[modifica | modifica wikitesto]

Quando la cometa fu scoperta si trovava al massimo della sua luminosità, stato in cui persistette per qualche tempo, e nel giorno di massimo avvicinamento alla Terra.[3][6] Quasi la totalità delle osservazioni della prima apparizione della Cometa Gale sono avvenute da osservatori astronomici presenti sul continente africano. Non fu possibile, infatti, seguirla con gli strumenti presenti negli Stati Uniti ed in Europa.[5]

Fu recuperata nel 1938 da Leland E. Cunningham, che aveva prodotto anche le previsioni più accurate per il suo ritorno. Furono registrate osservazioni contrastanti durante questa seconda apparizione, cosa che ha condotto a supporre che la cometa possa aver subito episodi minori di outburst.[5]

La cometa fu cercata durante il suo terzo passaggio al perielio, previsto per il 1949, ma non fu trovata. Nelle successive occasioni non fu neppure cercata, perché i passaggi stessi davano luogo a situazione sfavorevoli per il suo recupero[5] ed è oggi considerata perduta.

Orbita[modifica | modifica wikitesto]

L'orbita calcolata per la Cometa Gale dopo le apparizioni del 1927 e 1938 potrebbe essere stata alterata dall'azione di forze non gravitazionali (derivanti, ad esempio, dall'azione propulsiva del materiale espulso dalla cometa), che potrebbero aver anticipato o ritardato la data del perielio di diverse settimane.[5]

L'ultima orbita calcolata è altamente eccentrica, inclinata di circa 12° rispetto al piano dell'eclittica. L'afelio, prossimo all'orbita di Saturno, è a 8,70 UA dal Sole; il perielio, compreso tra le orbite di Marte e della Terra, è a 1,18 UA dal Sole. La cometa completa un'orbita in circa 11 anni.[1]

La Cometa Gale ha ripetuto diversi incontri ravvicinati con Giove e con la Terra. Nel 1911 la cometa è transitata a 0,11 UA dal gigante gassoso, mentre l'incontro del 7 giugno 1927 con il nostro pianeta ha sicuramente favorito la sua scoperta.[5] Nel 1938 si è verificato un secondo avvicinamento stretto al nostro pianeta ed il prossimo è previsto per il 3 giugno 2049.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) 34D/Gale in JPL Small-Body Database Browser, Jet Propulsion Laboratory, 1938 (data ultima osservazione). URL consultato il 23-11-2009.
  2. ^ a b (EN) Seiichi Yoshida, 34D/Gale. URL consultato il 23-11-2009.
  3. ^ a b c d (EN) Kazuo Kinoshita, 34D/Gale. URL consultato il 22-11-2009.
  4. ^ Il 7 giugno 1927 e nei giorni seguenti.
  5. ^ a b c d e f (EN) Gary W. Kronk, 34P/Gale in Cometography. URL consultato il 23-11-2009.
  6. ^ La minima distanza tra la Terra e la cometa è stata di 0,35 UA.


sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare