32ª Brigata corazzata "Mameli"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
32ª Brigata corazzata "Mameli"
CoA mil ITA arm bde Mameli.png
Scudetto della 32ª Brigata corazzata "Mameli"
Descrizione generale
Attiva ottobre 1975 - 1991
Nazione Italia Italia
Servizio CoA Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Tipo Brigata
Ruolo Fanteria corazzata
Dimensione 3.381 uomini
Guarnigione/QG Tauriano e Vacile
Parte di
Reparti dipendenti
  • Reparto Comando e Trasmissioni stanziato a Tauriano
  • 23º Battaglione bersaglieri “Castel di Borgo” stanziato a Tauriano
  • 3º Battaglione carri “M.O. Galas” stanziato a Tauriano
  • 5º Battaglione carri “M.O. Chiamenti” stanziato a Tauriano
  • 12º Gruppo artiglieria da campagna semovente “Capua” stanziato a Vacile
  • Battaglione logistico “Mameli” stanziato a Vacile
  • Compagnia controcarri “Mameli” stanziata a Vacile
  • Compagnia genio pionieri “Mameli” stanziata a Vacile

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 32ª Brigata corazzata "Mameli" è stata una Grande Unità dell’Esercito italiano.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La Brigata fu costituita nell’ottobre del 1975 e posta a difesa della Soglia di Gorizia contro un’ipotetica invasione del Patto di Varsavia. Dislocata nel Friuli-Venezia Giulia aveva il suo comando a Tauriano di Spilimbergo ed era inserita nella 132ª Divisione corazzata "Ariete", con la 132ª Brigata corazzata "Manin" e la "Garibaldi", appartenenti al 5º Corpo d'Armata di Vittorio Veneto.

La Brigata che aveva una forza complessiva di 3.381 uomini (214 ufficiali, 516 sottufficiali e 2.651 soldati di truppa) prendeva il nome in onore del patriota Goffredo Mameli, eroe morto a difesa della seconda Repubblica Romana e autore dell'inno nazionale italiano.

La "Mameli" è stata impegnata in operazioni civili, come il soccorso delle popolazioni terremotate in Friuli nel 1976 e dall'ottobre 1983 al gennaio 1984 alla missione di pace in Libano con il 23º Battaglione bersaglieri “Castel di Borgo”. Fu sciolta nel 1991 in seguito alla riorganizzazione dell’Esercito italiano.

Reparti[modifica | modifica sorgente]

  • Reparto comando e trasmissioni stanziato a Tauriano
  • 23º Battaglione bersaglieri “Castel di Borgo” stanziato a Tauriano
  • 3º Battaglione carri “M.O. Galas” stanziato a Tauriano
  • 5º Battaglione carri “M.O. Chiamenti” stanziato a Tauriano
  • 12º Gruppo artiglieria da campagna semovente “Capua” stanziato a Vacile
  • Battaglione logistico “Mameli” stanziato a Vacile
  • Compagnia controcarri “Mameli” stanziata a Vacile
  • Compagnia genio pionieri “Mameli” stanziata a Vacile

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Franco Dell'Uomo, Roberto Di Rosa e Amedeo Chiusano, L'Esercito italiano verso il 2000, Volume 2, Parte 1, 2002.