31 febbraio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
gennaio · febbraio 2015 · marzo · aprile · maggio · giugno · luglio · agosto · settembre · ottobre · novembre · dicembre
Segui progetto.png
  Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa      
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 (29) (30) (31)

Il 31 febbraio, per quanto riguarda il moderno calendario occidentale (calendario gregoriano), è una data immaginaria. A volte è utilizzata per chiarire indipendentemente dal contesto che le informazioni che vengono presentate non sono reali. Anche il 30 febbraio è usato a volte nello stesso modo[senza fonte], nonostante siano esistiti casi isolati di calendari che legittimamente hanno annoverato la data del 30 febbraio.

Esempi di utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Questa lapide nel cimitero della vecchia chiesa missionaria a Upper Sandusky nella Contea di Wyandot in Ohio, mostra la data di morte di Christiana Haag, 31 febbraio 1869.
HOUNSLOW, John

m. 31.3.1871
HOUNSLOW, Sarah, sua moglie, m. 31.2.1835; sei figli, morti in infanzia;
Ann, moglie di John Hounslow, m. 6.11.1890

  • L'episodio "Il fiammifero spento" de L'ora di Hitchcock è originariamente intitolato "The Thirty-First of February" (it. Il trentun febbraio)[2]. David Wayne interpreta la parte di un uomo, sospettato di aver ucciso sua moglie. Il processo subisce un cambiamento e il suo calendario torna ripetutamente al 4 febbraio, data della sua morte, e alla fine cambia a un inesistente 31 febbraio.
  • Il primo albo di Brendon si intitola Nato il 31 febbraio.
  • Ripley's Believe It or Not! afferma che William O'Malley, "secondo il suo certificato di nascita a Clifden, in Irlanda, è nato nel 1853 il 31 febbraio".
  • Nel menù di un noto ristorante di Salisburgo il 31 febbraio 1517 è indicato come data dell'ultima volta in cui fu visto in quella città Till Eulenspiegel, immaginaria figura di burlone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gravestones in the Churchyard of St. Peter-in-the-East. URL consultato l'11-06-2009.
  2. ^ The Thirty First of February, tv.com. URL consultato il 02-10-2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]