3ª Divisione fanteria "Ravenna"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
3ª Divisione fanteria "Ravenna"
Descrizione generale
Attiva 25 marzo 1939 - 8 settembre 1943
Nazione bandiera Regno d'Italia
Alleanza Asse
Servizio Regio Esercito
Tipo divisione di fanteria da montagna
Guarnigione/QG Alessandria
Battaglie/guerre battaglia delle Alpi Occidentali
Invasione della Jugoslavia
Campagna di Russia
Simboli
Mostrina Mostrina3.png

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 3ª Divisione fanteria "Ravenna" fu una grande unità del Regio Esercito, operativa durante la seconda guerra mondiale. Era in particolare una divisione di fanteria da montagna, che si distingueva dalle analoghe unità di fanteria ordinarie per la trazione del Reggimento di artiglieria divisionale, che risultava composto da due gruppi someggiati e di uno carrellato, invece che di due ippotrainati ed uno someggiato e per l'utilizzo di salmerie invece che del classico carreggio. Con il progredire della guerra e la progressiva motorizzazione di una parte considerevole delle artiglierie divisionali, le divisioni da montagna divennero sostanzialmente indistinguibili dalle normali divisioni di fanteria, e la denominazione specifica andò progressivamente in disuso.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'unità trae origine dalla Brigata "Ravenna", costituita il 16 settembre 1859 sul 19º ed il 20º Reggimento fanteria e sciolta nel 1871. Il 25 marzo 1939 si ricostituisce come Divisione di Fanteria "Ravenna" (3ª) ad Alessandria, riunendo il 37º e 38º Reggimento fanteria "Ravenna" e l'11º Reggimento artiglieria "Ravenna".

Nel 1940, la divisione prese parte alla battaglia delle Alpi Occidentali contro la Francia; schierata nel settore Alta Roia-Gessi, raggiunse le posizioni di Cima Raus, Cima Cosse ed il villaggio di Fontan. Nell'aprile del 1941 la grande unità viene trasferita sul fronte jugoslavo, tra Caporetto e Santa Lucia d'Isonzo, partecipando ad operazioni di rastrellamento in territorio croato, per poi rientrare in Italia, prima nella zona di San Pietro del Carso, poi ad Alessandria.

Nell'estate del 1942, la divisione venne inviata sul fronte russo alle spalle del XXV Corpo d'armata, presso Losovaja. A metà luglio raggiunse la zona di Stalino ed il 25 Voroshilovgrad, per proseguire verso il Donez ed il Don, dove la divisione assunse la responsabilità del settore compreso fra l'ansa di Mamon e la foce del Bogutschar. Qui prese parte, tra il 20 agosto ed il 1º settembre, alla prima battaglia difensiva del Don, respingendo l'offensiva dei reparti sovietici. L'11 dicembre, sotto la pressione delle unità russe che avevano attaccato su tutto il fronte nell'ambito della seconda battaglia difensiva del Don, alcuni reparti della "Ravenna" furono costrette ad arretrare nei pressi dell'ansa di Verchnij Mamon, permettendo al nemico di aggirare la divisione e di raggiungere così Tschertkowo, nelle retrovie. Dal 17 dicembre, l'unità arretrò fino a Voroshilovgrad e, riordinatasi, assunse dal 22 al 30 dicembre la difesa dei ponti sul Donez. Nei primi giorni del 1943 la divisione, mantenne le sue posizioni sulla riva destra del fiume fino al 24 gennaio, quando le unità corazzate russe sfondarono le linee in più punti e la divisione fu costretta a ripiegare, tra continui combattimenti, su Rovenki prima e su Tcertkovo. Qui il 15 gennaio la divisione tentò di rompere l'accerchiamento, raggiungendo il 17 la salvezza nelle retrovie presso Belovodsk. I resti della "Ravenna" rientrarono in Italia in aprile, dove venne riordinata ed impiegata enlla difesa del terrirorio nazionale in Toscana, in forza al II Corpo d'Armata, fino all'8 settembre.

Ordine di battaglia: 1940[modifica | modifica sorgente]

  • 37º Reggimento fanteria "Ravenna"
  • 38º Reggimento fanteria "Ravenna"
  • 5ª Legione CC.NN. "Valle Scrivia"
  • 11º Reggimento artiglieria "Ravenna" (poi 121º Reggimento artiglieria "Ravenna")
    • I Gruppo artiglieria leggera su 3 batterie da 75/18
    • II Gruppo artiglieria leggera su 3 batterie da 75/18
    • XXVIII Gruppo artiglieria pesante su 3 batterie da 100/17
  • III Battaglione mortai da 81
  • 1 battaglione cannoni controcarri
    • 3ª Compagnia su 4 pezzi da 47/32
    • 154ª Compagnia su 4 pezzi da 47/32
  • III Battaglione genio
    • 18ª Compagnia genio artieri
    • 3ª Compagnia mista telegrafisti/marconisti
    • 10º Plotone fotoelettricisti
  • 49ª Compagnia panettieri
  • 7ª Compagnia sussistenza
  • 128ª Colonna leggera sussistenza (motorizzata)
  • 247ª Colonna leggera sussistenza (motorizzata)
  • 12ª Compagnia minuto mantenimento (motorizzata)
  • 18ª Sezione sanità
    • 14º Ospedale da campo
    • 15º Ospedale da campo
    • 16º Ospedale da campo
    • 201º Ospedale da campo
    • 202º Ospedale da campo
    • 203º Ospedale da campo
    • 213º Ospedale da campo
    • 438º Ospedale da campo
    • 37º Ospedale chirurgico
  • 32ª Sezione bagagli
  • 13ª Sezione CC.RR.

Ordine di battaglia: 1943[modifica | modifica sorgente]

  • 37º Reggimento fanteria "Ravenna"
  • 38º Reggimento fanteria "Ravenna"
  • 121º Reggimento artiglieria "Ravenna"
    • 1 Gruppo artiglieria leggera su 3 batterie da 75/18
    • II Gruppo artiglieria leggera su 3 batterie da 75/18
    • XXVIII Gruppo artigliera pesante su 3 batterie da 105/28
  • III Battaglione mortai da 81
  • 1 battaglione cannoni controcarri
    • 3ª Compagnia su 4 pezzi da 47/32
    • 154ª Compagnia su 4 pezzi da 47/32
  • III Battaglione genio
    • 18ª Compagnia genio artieri
    • 3ª Compagnia mista telegrafisti/marconisti
    • 10º Plotone fotoelettricisti
  • 7ª Compagnia sussistenza
  • 128ª Colonna leggera sussistenza (motorizzata)
  • 247ª Colonna leggera sussistenza (motorizzata)
  • 12ª Compagnia minuto mantenimento (motorizzata)
  • 18ª Sezione sanità
  • 3ª Sezione trasporti
  • 2ª Unità trasporti
  • 7ª Sezione mista CC.RR.
  • 8ª Sezione mista CC.RR.

53º Ufficio postale


Comandanti 1937-1942[modifica | modifica sorgente]

  • Gen. D. Matteo Roux
  • Gen. D. Edoardo Nebbia
  • Gen. D. Francesco Dupont

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

George F.Nafziger "Italian Order of Battle: An organizational history of the Italian Army in World War II" (3 vol)