2side1BRAIN

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
2side1BRAIN
Paese d'origine Giappone Giappone
Genere Post-hardcore
Screamo
Emo
Periodo di attività 2003 – in attività
Etichetta BORNtoLOVE Records
Album pubblicati 3
Studio 3 (+1 EP)
Sito web

I 2side1BRAIN (ツーサイドワンブレイン?) sono un gruppo post-hardcore/screamo giapponese.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I 2side1BRAIN' nacquero nel 2003 nell'isola di Okinawa, per volere del cantante Shuntarock e del bassista Hirose. Il duo reclutò ben presto il batterista T-Max e i chitarristi Shoichi e Narito. Con questa formazione incisero il demo DEMO2003. Nel 2004 parteciparono allUtanohi Music Festival, vincendo[1]. L'anno successivo Shoichi lasciò la band, venendo sostituito da Yuta. Intanto la band firmò un contratto con l'etichetta BORNtoLOVE Records (in realtà indipendente, di proprietà della band stessa[2]), e il 20 agosto 2008 pubblicarono il loro primo album, Singing like flood. Il 25 febbraio 2009 uscì il singolo Sons of Sunshine. A metà 2010 anche Narito lasciò la band, venendo sostituito da MEG (allora uscente dagli High and Mighty Color). Con la nuova formazione la band pubblicò l'EP Pray for you il 20 giugno 2010, seguito a breve distanza dal singolo Wake Up My Emerald (13 novembre) e l'album omonimo (24 novembre). Dopo una serie di concerti, il 28 febbraio 2011 venne pubblicato il singolo Pray for you. Poco dopo Yuta e T-Max lasciarono la band, venendo sostituiti da U-tang e Miyabi. Il 15 agosto 2012 la band pubblicò il suo terzo album, Blood Red Eyes.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Attuale[modifica | modifica sorgente]

Ex-componenti[modifica | modifica sorgente]

Timeline della formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

Demo[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ BORNtoLOVE Records Artist Page
  2. ^ Nippon Project
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk